ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandalo emissioni, la Germania ordina a VW il ritiro di 2,4 mln di veicoli diesel

Niente ritorno volontario ai box. Le autorità tedesche hanno respinto l’idea di Volkswagen e ordinato il richiamo obbligatorio di 2 milioni e 400

Lettura in corso:

Scandalo emissioni, la Germania ordina a VW il ritiro di 2,4 mln di veicoli diesel

Dimensioni di testo Aa Aa

Niente ritorno volontario ai box. Le autorità tedesche hanno respinto l’idea di Volkswagen e ordinato il richiamo obbligatorio di 2 milioni e 400 mila veicoli diesel. La misura, da avviarsi all’inizio dell’anno prossimo, è soltanto l’inizio di un calvario che complessivamente potrebbe costare alla casa di Wolfsburg ben 35 miliardi di euro.

Point of view

L'autorità Federale per i Trasporti è convinta che in tutti questi casi sia stato utilizzato un cosiddetto 'defeat device', cioè un dispositivo per truccare i test sulle emissioni

“L’autorità federale per i trasporti è convinta che in tutti questi casi sia stato utilizzato un cosiddetto ‘defeat device’, cioè un dispositivo per truccare i test sulle emissioni“, ha dichiarato il ministro ai Trasporti Alexander Dobrindt. “Volkswagen – ha aggiunto – dovrà ora rimuovere tale software da tutti i veicoli interessati e prendere le misure necessarie per assicurare il rispetto dei regolamenti sulle emissioni”.

La casa tedesca è sotto il fuoco incrociato delle autorità nazionali per la lentezza con cui sta gestendo lo scandalo. I diesel tedeschi interessati sarebbero 2,8 milioni ma, assicura Dobrindt, 400 mila sono già fuori circolazione. In tutta l’Unione europea, ha detto Volkswagen sempre giovedì, i veicoli saranno ben 8 milioni e mezzo.

Cattive notizie anche in Italia, dove la sede di Verona e il quartier generale bolognese di Lamborghini, di proprietà dei tedeschi, sono stati perquisiti dalla Guardia di Finanza. Cinque gli indagati, tra cui il capo del gruppo Volkswagen in Italia Massimo Nordio.