ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Atene: tra speranze e delusioni, si aspetta la decisione dell'Eurogruppo

Dopo la lunga giornata di ieri, il voto al parlamento e le proteste in piazza Syntagma, Atene e con lei tutta la Grecia, si è svegliata con le stesse

Lettura in corso:

Atene: tra speranze e delusioni, si aspetta la decisione dell'Eurogruppo

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la lunga giornata di ieri, il voto al parlamento e le proteste in piazza Syntagma, Atene e con lei tutta la Grecia, si è svegliata con le stesse speranze e delusioni dei giorni scorsi, come se nulla fosse veramente cambiato, come se a Bruxelles non si stesse per decidere il destino del paese. Le opinioni per strada sono contrastanti.

“Un greco realista non avrà aspettative- dice un signore- niente cambia mai. È lo stesso vestito portato in maniera diversa, viene solo indossato alla rovescia, per farlo sembrare più pulito, visto che all’esterno è macchiato. Che aspettative potremmo mai avere? È un piano premeditato per evitare le proteste delle persone. Se avessimo votato si o no sarebbe stato lo stesso”.

“Dal 2010 non sono mai stato ottimista. Mi aspetto sempre il peggio”. Afferma un passante.

“Penso che andremo all’Eurogruppo ben preparati. Spero che le decisioni prese li siano le migliori possibili per la Grecia. La Grecia appartiene all’Europa, all’Unione europea, non può starne fuori, non può stare fuori dall’Eurozona. Speriamo che tutto si risolva!” afferma una signora per strada.

“Nonostante il consenso di venerdì sera in Parlamento, l’incertezza aleggia ancora . Del resto greci sono molto diversi tra loro. Tuttavia, un terreno comune nelle aspettative di molte persone c‘è, in vista della riunione cruciale di sabato dell’Eurogruppo, si tratta delle speranze di trovare un accordo che manterrà la Grecia all’interno del cuore dell’Unione europea , vale a dire nel blocco della moneta comune” secondo il nostro corrispondente da Atene Panos Kitsikopoulos