ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I leader europei aprono a nuovi negoziati con la Grecia dopo il referendum

Banche chiuse per una settimana in Grecia e dai leader europei si inseguono gli appelli affinché la crisi si risolva senza la rottura dell’Eurozona

Lettura in corso:

I leader europei aprono a nuovi negoziati con la Grecia dopo il referendum

Dimensioni di testo Aa Aa

Banche chiuse per una settimana in Grecia e dai leader europei si inseguono gli appelli affinché la crisi si risolva senza la rottura dell’Eurozona. Da Berlino a Bruxelles un coro unanime: votate “sì” al referendum.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha ribadito la sua apertura ad Atene durante una conferenza stampa a Berlino in seguito a un vertice d’emergenza con i leader dei partiti: “Oggi abbiamo chiarito che, se il governo greco chiederà di riprendere i negoziati dopo il referendum, ovviamente non diremo di no”.

Il “referendum è una scelta sovrana”, le ha fatto eco il presidente francese François Hollande al termine del consiglio ristretto sulla Grecia a Parigi: “La scelta di Atene di chiudere ai negoziati non è condivisibile perché eravamo vicini a un accordo. Per quanto riguarda invece l’indizione del referendum, per permettere alla popolazione di dire la sua, è una scelta sovrana, è democrazia, il diritto del popolo greco di dire cosa vuole per il suo futuro”.

La porta per le trattative “resta aperta” anche per il Presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, che si è detto pero’ “molto deluso” dal fatto che la Grecia abbia abbandonato il tavolo dei negoziati.

Il premier ellenico Alexis Tsipras ha scritto domenica una lettera ai vertici dell’Eurozona per chiedere nuovamente una proroga del programma di aiuti, e ha difeso l’indizione del referendum, in quanto “diritto democratico del popolo greco”.