ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia. Posizioni lontane, negoziato riprende in mattinata

Si sono interrotte a tarda sera per riprendere di primo mattino le discussioni a Bruxelles tra la parte greca e i creditori internazionali. Non

Lettura in corso:

Grecia. Posizioni lontane, negoziato riprende in mattinata

Dimensioni di testo Aa Aa

Si sono interrotte a tarda sera per riprendere di primo mattino le discussioni a Bruxelles tra la parte greca e i creditori internazionali. Non soltanto le rispettive posizioni non si sono avvicinate, ma sembrano essersi allontanate. Starà prima ai tecnici, poi al Premier Tsipras con Draghi e Lagarde e infine all’Eurogruppo previsto per l’ora di pranzo tenere aperta la speranza di trovare un accordo.

“È sempre importante mantenere in vita il processo” ha commentato il Ministro delle Finanze finlandese Alexander Stubb “per ragioni politiche e, sinceramente, anche per mostrare all’esterno che siamo seri nel tentativo di trovare un accordo. Evidentemente ci vuole del tempo, ma non credo che sia tempo perso”.

Atene ha respinto la controproposta delle istituzioni europee e ha ritirato dalla propria lista di riforme l’applicazione di un prelievo del 5% di contributi per la sanità alle pensioni complementari.

“Fonti vicine al governo greco hanno definito dure, brutali le nuove richieste presentate dalle istituzioni” spiega la nostra corrispondente a Bruxelles Efi Koutsokosta. “Le proposte greche inizialmente sembravano sufficienti a stimolare una buona atmosfera. Ma ora i creditori chiedono di più. La tensione in questi negoziati sta raggiungendo il massimo livello, mentre si avvicina rapidamente il 30 giugno, data-limite in cui scade il programma attuale di aiuti”.