ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

G7 Lubecca. Steimeier: uniamo le forze contro moltiplicarsi conflitti

Il primo vertice dei grandi della terra senza la Russia dal 1998 ad oggi si è aperto a Lubecca, in Germania. Il Ministro degli Esteri tedesco

Lettura in corso:

G7 Lubecca. Steimeier: uniamo le forze contro moltiplicarsi conflitti

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo vertice dei grandi della terra senza la Russia dal 1998 ad oggi si è aperto a Lubecca, in Germania.

Il Ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier ha aperto il G7 insistendo sul moltiplicarsi degli scenari di guerra: oltre 6.000 morti in Ucraina, la crisi costata a Mosca la poltrona accanto ai 7 potenti; il conflitto nello Yemen; la partita ancora aperta del nucleare iraniano.

“Ci troviamo di fronte ad un numero crescente di conflitti armati, Stati in fallimento, minacce terroristiche, sofferenze umane” ha detto Steinmeier. “Come governi dobbiamo unire le nostre forze e fare ricorso a tutto l’arsenale degli strumenti della politica e della cooperazione diplomatica per risolvere questi conflitti e costruire la pace nel mondo”.

Nella tradizionale “fotografia di famiglia” sono apparsi uno accanto all’altro il sindaco di Lubecca Bernd Saxe, il Ministro degli Esteri giapponese Fumio Kishida, il francese Laurent Fabius, il tedesco Franck-Walter Steinmeier, l’Alta Rappresentante per la Politica Estera dell’Unione Europea Federica Mogherini, il Ministro degli Esteri canadese Robert Nicholson, quello britannico Philip Hammon, l’italiano Paolo Gentiloni. Assente il Segretario di Stato americano John Kerry arriverà a Lubecca oggi.

Un vertice che, come di consueto, è stato accolto dalle proteste di quasi 2.000 persone: “voi siete 7, noi siamo 7 miliardi” è lo slogan che ha riassunto lo spirito della manifestazione. Manifestazione durante la quale diverse persone sono state arrestate dalle forze di polizia. Un dispositivo di sicurezza eccezionale con più di 3.500 agenti mobilitati per l’occasione.