ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ucraina, il timore di Kiev: "offensiva anche su Mariupol"

Rinnovate le accuse contro la Russia di supportare i ribelli con armi e uomini.

Lettura in corso:

Ucraina, il timore di Kiev: "offensiva anche su Mariupol"

Dimensioni di testo Aa Aa

Tornano a intensificarsi i combattimenti nell’est dell’Ucraina, su tutto il fronte sul quale si combattono l’esercito e i separatisti. Lo scontro coinvolge ormai anche la città portuale di Mariupol, finora saldamente sotto controllo governativo e prossimo obiettivo dei ribelli, che ne bombardano i sobborghi.

La sua posizione è strategica anche per l’accesso all’altra area ormai separata dall’Ucraina, la Crimea.

Kiev torna a puntare il dito contro Mosca.

Il portavoce dell’esercito ucraino Volodymyr Polyovy ha affermato che “nelle zone del confine di Stato che non sono sotto il nostro controllo arrivano armi, munizioni, carburante dalla Russia, destinati ai ribelli. Vediamo aumentare i carri armati, i veicoli blindati, i lanciarazzi Grad e Uragan nell’area di Debaltseve”.

Accuse rigettate dai ribelli, che sembrano anche rifiutare l’ipotesi di un’intesa per cessare le ostilità.
Un soldato filorusso ritiene che “un altro accordo di pace sarebbe inutile e non necessario, perché sarebbe favorevole solo all’Ucraina”.

E sul supporto fornito da Mosca ha aggiunto che “sì, abbiamo lo stemma russo qui, sul braccio, perché l’uniforme ci è stata data dalla Russia. Non facciamo uniformi. In realtà noi siamo ‘Nuova Russia’. Non ci sono truppe russe qui”.

Quel che è certo è che di questa guerra si continua a morire. Numerose le vittime tra i civili e tra i militari anche tra sabato e domenica tra Donetsk e Debaltseve. Divergono le cifre fornite. I separatisti parlano di otto morti solo nella loro città roccaforte, altre fonti forniscono numeri inferiori. La tragedia che si consuma ormai da quasi un anno è, comunque, di notevoli dimensioni”.