ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Salute e istruzione

Lettura in corso:

Salute e istruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

La salute è un elemento importante nello sviluppo delle società. In quest’ambito l’istruzione gioca un ruolo chiave di sensibilizzazione. Gli studenti che hanno una buona conoscenza delle proprie condizioni di salute e dell’igiene possono migliorare le proprie condizioni di vita, quelle delle loro famiglie e della loro comunità. E’ il tema di questa puntata.

- Cina, una scuola per i bambini sieropositivi

Nella provincia di Henan si stima che migliaia di persone siano contagiate dal virus che causa l’Aids.

Negli anni novanta circa un milione di persone sono rimaste infettate dall’Hiv per un programma di raccolta e vendita di sangue non adeguatamente controllato. Con conseguenze disastrose, migliaia di morti e centinaia di migliaia di orfani.

I bambini positivi all’Hiv hanno la possibilità di vivere una vita normale e non sentirsi più respinti grazie alla Hong Kong Alliance Against Aids, un’organizzazione che ha fondato una scuola per insegnare ai bambini cos‘è questa malattia, come proteggersi e come evitare di contagiare gli altri.

- Etiopia, l’educazione sanitaria attraverso un cartone animato

In Etiopia l’educazione sanitaria è una grande sfida. Oltre la metà dei bambini non va a scuola secondo stime Unicef. Il pupazzo Tsehai è riuscito a raggiungere questi bambini, a insegnare loro i principi base della salute e dell’igiene. “Tsehai Loves Learning” è un programma tv ideato da una giovane insegnante, Bruktawit Tigabu.

Tsehai insegna ad esempio ai bambini che bisogna bollire l’acqua prima di berla. Gli episodi del programma, prodotti anche con il sostegno dell’Unesco, vengono ceduti gratuitamente alla televisione pubblica o prioiettati all’interno delle comunità dove non esistono le tv.

- Amsterdam, a lezione in ospedale

Ad Amsterdam bambini malati da tempo possono studiare con continuità in ospedale. Grazie a un team interdisciplinare di insegnanti che dà lezione ai piccoli pazienti dell’ospedale principale della città.

Tra di loro c‘è Kristina, 16 anni, malata di insufficienza renale da quando è nata e costretta a sottoporsi a dialisi quattro volte a settimana. Le lezioni in ospedale possono aiutarla a non restare indietro. Gli studi possono inoltre contribuire al recupero del paziente, secondo il capo della struttura educativa dell’ospedale.