ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La sfida del multilinguismo

Lettura in corso:

La sfida del multilinguismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Essere poliglotta è un obiettivo che molti sperano di raggiungere, ma mentre da un alto molte lingue si diffondono sempre di più, altre stanno scomparendo.

Come alcune persone riescono a imparare diverse lingue e come altri cercano di proteggere la loro madrelingua è tra i temi che Learning World affronta in questa puntata.

- Alla riscoperta del gaelico

In Irlanda giovani e adulti imparano il gaelico, una lingua in via d’estinzione parlata da 80mila irlandesi su sei milioni. Molti genitori vogliono che i propri figli sappiano padroneggiare questa lingua antica assieme all’inglese.

Gli adulti hanno più opportunità che in passato di imparare a parlare il gaelico in scuole create con questo obiettivo. Anche gli stranieri ne sono affascinati.

- Un Paese, tre lingue ufficiali

Nel Granducato del Lussemburgo il multilinguismo è la normalità. In questo Paese di mezzo milione di abitanti, il 40 per cento è di origine straniera. Tre le lingue ufficiali, francese, tedesco e lussemburghese. Competitivo sui mercati grazie al multilinguismo, il Lussemburgo è il Paese più ricco al mondo per entrate pro-capite.

Le lezioni di lingua richiedono molto tempo agli alunni. Nel Paese si comincia a studiare in tedesco, poi viene introdotto il francese che mano a mano diventa la lingua principale. L’inglese è la prima lingua straniera.

- Multilinguismo e identità nazionale

Minako Nakashima vive da quattro anni in Francia, è la responsabile della sezione giapponese della Cité Scolaire Internationale di Lione, un istituto rinomato: oltre duemila allievi, otto sezioni internazionali, due europee e una orientale, 200 professori.

La scuola offre corsi del programma di insegnamento nazionale francese, con una parentesi di sei ore di insegnamento nella lingua della sezione. Minako Nakashima coordina una squadra di quattro insegnanti giapponesi. La sezione conta 52 allievi, dalle elementari al liceo, venuti da famiglie miste o giapponesi, alcune sono arrivate di recente in Francia.