This content is not available in your region

A Dubai persone e robot stanno modellando il futuro insieme

Access to the comments Commenti
Di Laura Buckwell & Gianluca Martucci
euronews_icons_loading
A Dubai persone e robot stanno modellando il futuro insieme
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai

Dubai è pronta a cambiare faccia una volta per tutte. Nella città emiratina i robot stanno rapidamente diventando una parte della vita quotidiana grazie alla mentalità proiettata a un futuro guidato dalla tecnologia che la renderà una delle città più all'avanguardia nel mondo. La metropoli sta diventando il posto dove i robot giocheranno un ruolo sempre più importante, incidendo radicalmente  in settori chiave come il settore manifatturiero, la chirurgia, la sicurezza e il settore del delivery.

Ce ne ha parlato Khalifa Al Qama, direttore dei Future Labs della Dubai Future Foundation.  “Dubai è su questa rotta da 20 anni, e stiamo sempre più permettendo ai servizi digitali di fornire livelli di comfort maggiori ai cittadini", ha affermato Al Qama. "Grazie alla base che abbiamo costruito ora possiamo iniziare a beneficiare del ruolo dei robot all'interno delle nostre società per fornire alcuni servizi e aumentare l'efficienza di altri che le imprese o che il governo vogliono migliorare”, ha aggiunto

I robot protagonsti nella sanità e nelle emergenze

La salute è uno dei settori in cui i robot stanno diventando protagonisti. Il dottor Yaser Saeedi, ha imparato a trarre beneficio dalla chirurgia robotica applicata all'urologia.  Attualmente Saeedi utilizza un sistema robotico di quarta generazione sviluppato dalla NASA, il Da Vinci Xi, considerato il sistema più avanzato attualmente disponibile.

Saeedi ha raccontato che la tecnologia aiuterà la chirurgia a eseguire lavori complessi riducendo al minimo l'invasività, migliorando l'esperienza dei pazienti e aumentando la precisione di protesi come i bracci meccanici. 

Ora con la robotica e la laparoscopia la chirurgia si è evoluta, otteniamo risultati migliori rispetto a quanto era possibile con la chirurgia tradizionale, riducendo le perdite di sangue e i tempi di recupero dopo un'operazione; ormai la chirurgia sta prendendo un'altra piega
Yaser Saeedi
urologo

La DG world ha sfruttato il passaggio del settore industriale verso sistemi autonomi grazie all'applicazione della robotica e di soluzioni avanzate per la mobilità. La societàsi occupa di sviluppare camion a guida autonoma, piccoli veicoli per le consegne e bracci robotici. Il Boston Dynamic è un cane robot che svolge attività di ispezione, si reca sulle scene del crimine o nelle situazioni di alta emergenza per raccogliere informazioni.

Matthias Krause, direttore generale della DG World ha sottolineato come “ci sia stato un notevole incremento dell'interesse nella robotica e in particolare nei cani robot Boston Dynamic". A interessarsi per primi sono state le imprese o gli enti che lavorano con i nucleare. "La polizia investigativa ha da subito cercato di capire quanto potesse essere importante l'uso di queste invenzioni nelle indagini sulle scene del crimine", ha continuato Krause. 

Una conscious city

Il progetto "Singularious" sviluppato dalla Arious Holding sta portando la robotica e l'intelligenza artificiale a un livello più avanzato, un passo oltre la smart city. Il gruppo è impegnato nello sviluppare il primo modello di conscious city negli Emirati arabi che penserà da sola e che è destinata a ridefinire il modo in cui costruire le comunità in futuro.

"Vogliamo creare e costruire un nuovo tipo di città per il futuro, che siano basate sull'intelligenza artificiale piuttosto che da edifici senza senso", ha affermato Chris Roberts, presidente di Singularious e CEO di Eltizam. "Una consious city è capace di pensare a se stessa da sola grazie all'aiuto dell'intelligenza artificiale e creerà un nuovo tipo di città che avrà un effetto enorme sugli stili di vita e sullo sviluppo dei luoghi dove abiteremo", ha continuato Roberts. 

Anche lo scienziato cognitivo Ben Goertzel, conosciuto per aver creato i robot umanoidi Sofia, Desdemona e Grace ha contribuito all'ideazione della conscious city. "La gran parte delle smart city si riduce a essere una mera raccolta di dispositivi intelligenti che fanno cose particolari e che non sono integrati in un unico sistema cognitivo", ha affermato lo scienziato, sottolineando come l'obiettivo delle conscious city sia "mettere davvero mettere il livello di intelligenza delle città al servizio delle persone che ci vivono". 

AGI and the future

Ben Goertzel si aspetta che l'Intelligenza Artificiale Forte (Artificial General Intelligence), che doterà i robot delle stesse identiche capacità degli umani, uscirà dal laboratorio per essere applicata per un uso universale nel giro di 3 o 4 anni. "Credo che avere un robot umanoide che convive con noi nel nostro stesso modo ci può dare più naturalezza quando ci rapportiamo all'intelligenza artificiale, perché a quel punto non servirà più maneggiare un telefono o parlare a un microfono o a un assistente vocale come Alexa: sarà tutto più diretto e naturale", ha detto lo scienziato.