Advertising
This content is not available in your region

Il futuro del turismo all'Arabian Travel Market di Dubai

euronews_icons_loading
Il futuro del turismo all'Arabian Travel Market di Dubai
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

​​​

Dubai ospita il primo evento in presenza nel settore dei viaggi dall'inizio della pandemia. Vediamo come il settore si sta riprendendo e scopriamo in che modo alcuni paesi europei pensano di attirare turisti.

"Una nuova alba per i viaggi e il turismo"

L'Arabian Travel Market 2021 di Dubai è il primo evento dal vivo dedicato al settore dei viaggi e del turismo dall’inizio della pandemia. Nel 2020 il volume totale del mercato dei viaggi e del turismo nel mondo è sceso a 1,27 trilioni di euro. Ma si prevede che quest'anno risalga a 1,4 trilioni. Ed eventi come questo vogliono mostrare che con la riapertura delle frontiere, il settore è pronto a riprendersi dall'impatto del Covid.

Il tema di quest'anno è "Una nuova alba per i viaggi e il turismo". Il ritorno dell'evento in presenza è visto come un segno positivo per il settore. Per Claude Blanc, direttore di World Travel Market Portfolio, "L'essenza del turismo è il faccia a faccia, sono i contatti, personali e professionali. Ecco perché c'era così tanto appetito nel settore".

Il passaporto vaccinale, soluzione per i viaggi post pandemia

Per resistere alla tempesta degli ultimi 18 mesi, molti alberghi di Dubai hanno preso di mira il mercato interno, in particolare con lo sviluppo delle attività di staycation. Ma con l'arrivo previsto dei passaporti vaccinali, si sta ricominciando a viaggiare.

Per Issam Kazim, amministratore delegato di Dubai Tourism, è questo il futuro del viaggio post pandemia: Più paesi ottengono le vaccinazioni, più persone vengono vaccinate, meglio è. Si parla di un passaporto vaccinale o di un passaporto degli anticorpi, un documento in formato digitale che le persone potranno portare con sé".

Grecia, Portogallo e Italia sono alcuni dei paesi europei che stanno riaprendo gradualmente ai turisti, spinti anche dalla notizia che a partire dal primo luglio entrerà in vigore il certificato vaccinale dell'Ue.

L'Italia ha perso 121 miliardi di euro nel 2020 a causa delle restrizioni di viaggio, ma i turisti stanno tornando. Destinazioni popolari come Venezia o Roma registrano già un aumento nel numero di visitatori.