This content is not available in your region

Il clima dell’Europa nel 2020: caldo record, temporali e riscaldamento artico inarrestabile

Lastre di ghiaccio marino a sud dell’Isola del Pioniere (Russia), il 14 agosto 2020.
Lastre di ghiaccio marino a sud dell’Isola del Pioniere (Russia), il 14 agosto 2020.   -   Diritti d'autore  Unione europea, immagini Copernicus Sentinel-2, elaborate da Pierre Markuse per C3S.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il rapporto sullo stato del clima europeo di Copernicus offre l’ultima istantanea del meteo e del clima del continente

Nonostante le enormi difficoltà del 2020, il clima europeo non è passato inosservato lo scorso anno. In Europa, le stagioni sono state influenzate da diversi eventi meteorologici da record e dalle caratteristiche climatiche globali e regionali, e i dati mostrano una chiara tendenza all’aumento delle temperature.

Appena pubblicato dal Copernicus Climate Change Service, il rapporto 2020 European State of the Climate (ESOTC) esamina i principali modelli climatici e gli eventi meteorologici del 2020 in tutta Europa, evidenziando i cambiamenti e la variabilità, oltre a inserire i dati in una prospettiva più globale. Questa è anche la prima volta che il rapporto ESOTC estende la sua attenzione oltre l’Europa all’intera regione artica, il cui clima influenza notevolmente le condizioni climatiche europee.

L’anno più caldo mai registrato in Europa

Il 2020 è stato l’anno più caldo mai registrato in Europa, con temperature più alte di quasi mezzo grado rispetto ai record precedenti. In tutto il continente, le temperature medie hanno superato la media del periodo 1981-2010, con parti dell’Europa settentrionale e orientale più calde di oltre 2°C. Le stesse regioni hanno avuto temperature minime giornaliere superiori alla media, mentre Francia e Benelux hanno registrato temperature massime giornaliere più elevate.

“Abbiamo avuto periodi di temperature eccezionalmente elevate, ondate di caldo in estate e un periodo caldo in autunno, anche se non sono stati così intensi, diffusi e lunghi come negli ultimi anni”, afferma la dott.ssa Francesca Guglielmo, scienziata senior presso il Copernicus Climate Change Service (C3S) e coautrice del rapporto ESOTC.

L’anomalia della temperatura più evidente è stata riscontrata lo scorso inverno. Le temperature della stagione fredda sono aumentate in media di circa 1,9°C rispetto al record precedente e di 3,4°C rispetto alla media per il periodo 1981-2010, in quello che gli scienziati di C3S considerano un inverno “eccezionalmente caldo”. “Il numero di giorni in cui la temperatura è rimasta al di sotto dello zero durante il giorno è una dimostrazione di questo riscaldamento”, afferma la dott.ssa Freja Vamborg, scienziata senior presso C3S e autrice principale del rapporto. “Avere periodi di congelamento o non congelamento in un determinato luogo, fa una grande differenza”.

Numero di giorni durante i quali la temperatura massima giornaliera è rimasta sotto lo zero (“giorni di ghiaccio”) durante l’inverno 2020 (a sinistra) e per l’inverno 2020 rispetto al periodo di riferimento 1981-2020 (a destra).
Fonte dati: E-OBS. Diritti: C3S / KNMI.Numero di giorni durante i quali la temperatura massima giornaliera è rimasta sotto lo zero (“giorni di ghiaccio”) durante l’inverno 2020 (a sinistra) e per l’inverno 2020 rispetto al periodo di riferimento 1981-2020 (a destra).

Nell’Europa settentrionale e orientale, le condizioni sono state insolite, poiché l’inverno nel Mar Baltico, in Finlandia e nella Russia occidentale è stato fino a 8°C più caldo rispetto alla media del 1981-2010. Questo ha portato il numero di giorni con un rischio di grave stress termico da freddo al livello più basso mai registrato, riducendo la copertura di ghiaccio marino nel Mar Baltico e nel Golfo di Finlandia. “Quest’inverno, il numero di giorni con stress termico da freddo durante il giorno, da molto forte a forte, è stato il più basso dagli anni ‘80”, afferma la dott.ssa Guglielmo. “In Europa abbiamo avuto una tendenza al riscaldamento: finora abbiamo raggiunto i 2,2°C al di sopra dei livelli preindustriali”.

Le temperature estive, tuttavia, non sono state eccezionali come quelle osservate in inverno e in autunno. Sebbene giugno nell’Europa nord-orientale sia stato particolarmente caldo, la regione del Mediterraneo, l’Europa centrale e i Balcani, che sono stati pesantemente colpiti dal caldo nel 2018 e 2019, hanno registrato meno giorni molto caldi rispetto alla media del 1981-2010.

Una primavera inaspettatamente secca e una tempesta da record

Pochi eventi hanno segnato un anno altrimenti piuttosto medio per le precipitazioni in tutta Europa. In un inverno più piovoso della media, febbraio ha registrato la più alta quantità di precipitazioni dell’anno in vaste aree dell’Europa occidentale, causando il picco dei fiumi, come il Reno, all’inizio del mese. Poi le cose sono cambiate. “È sorprendente come siamo passati da un inverno piovoso a una primavera secca in così poco tempo”, afferma il coautore del rapporto, il dottor David Lavers, del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (CEPMMT), la cui ricerca si concentra sul ciclo globale dell’acqua. “Lo vediamo molto chiaramente nelle precipitazioni, nell’umidità del suolo e nelle correnti dei fiumi, e questo ha avuto effetti a catena sulla vegetazione”. Secondo il rapporto, la mancanza di precipitazioni, così come la copertura nuvolosa al di sotto della media e l’alto soleggiamento in primavera, che ha causato un aumento dell’evaporazione dell’acqua dal suolo, hanno prodotto la primavera più secca dell’Europa occidentale in 40 anni.

Ma a ottobre, la tempesta Alex ha battuto i record di pioggia giornaliera nel Regno Unito e in Bretagna, nonché sulle Alpi Marittime francesi e italiane. Sulle Alpi Marittime, un flusso di aria calda e umida proveniente dal Mediterraneo da sud-ovest ha causato frane e inondazioni in Francia e in Italia, danneggiando le infrastrutture. È stata la prima volta in 40 anni che la Francia ha visto una tempesta così intensa così presto nella stagione e la prima volta in 70 anni che la regione italiana del Piemonte ha registrato livelli di precipitazioni tanto elevati. Il Regno Unito ha registrato 31,7 mm di pioggia in 24 ore, segnando il 3 ottobre come il giorno più piovoso del paese negli ultimi 130 anni.

Gli esperti dicono che continua a essere difficile stabilire se gli eventi di pioggia stiano diventando più estremi in tutta Europa. Tuttavia, Meteo-France stima che nella regione del Mediterraneo si sia registrato un aumento del 22% dell’intensità delle piogge negli ultimi 50 anni, mentre la frequenza dei forti acquazzoni è quasi raddoppiata nello stesso periodo.

Incendi a basso profilo

In un anno con pericolo di incendi al di sotto della media, solo alcune regioni, come i Balcani e l’Europa orientale, hanno registrato un rischio più elevato in inverno e primavera, soprattutto quando le condizioni di umidità sono diventate improvvisamente minime. Anche le emissioni dovute agli incendi sono state tra le più basse dall’inizio della registrazione 18 anni fa, con emissioni superiori alla media solo nella Francia sud-occidentale e nei Balcani. Eppure l’estate, che è la tipica stagione di punta degli incendi nella regione mediterranea, ha portato le emissioni al di sotto della media 2003-2019.

Ciò che accade nell’Artico raramente rimane nell’Artico

“L’alta temperatura nell’Artico nel 2020 è un segnale climatico chiave su scala globale”, afferma la dott.ssa Vamborg. “È uno degli eventi più salienti dello scorso anno”. L’Artico è stata la regione con il più grande cambiamento di temperatura al mondo nel 2020, con temperature di 2,2°C superiori alla media 1981-2010, rispetto a uno 0,6°C a livello globale.

La Siberia artica è stata particolarmente interessata dal fenomeno. Con una temperatura di 4,3°C sopra la media nel 2020, ha battuto di gran lunga i record del 2011 e del 2016, quando la regione ha visto temperature di circa 2,5°C superiori alla media. “Questo riscaldamento fa certamente parte di una tendenza in cui l’Artico si sta riscaldando più rapidamente rispetto al resto del mondo, almeno due o tre volte più velocemente”, afferma il dott. Julien Nicolas, scienziato di rianalisi C3S e coautore del rapporto.

“I meccanismi di retroazione hanno sicuramente influito sull’aumento della temperatura nel 2020”, afferma il dott. Nicolas. “Uno di questi è l’effetto albedo, che è correlato al potere riflettente di una superficie. Le alte temperature hanno portato a una riduzione del manto nevoso all’inizio della primavera e a uno scioglimento più rapido, esponendo il terreno più scuro, che tende ad assorbire più calore aumentando il riscaldamento iniziale. Questo ha sicuramente svolto un ruolo, soprattutto in primavera, quando abbiamo assistito a ondate di caldo su parte della Siberia”. Anche i venti, i suoli più secchi del solito e gli incendi diffusi hanno contribuito al caldo record. Nell’Oceano Artico, il caldo ha interessato anche l’area coperta dal ghiaccio marino, che a settembre si è ridotta alla seconda quantità più bassa dal 1979. In particolare, l’estensione del ghiaccio marino è stata del 35% inferiore alla media del periodo 1981-2010, mentre a luglio e ottobre ha raggiunto i livelli più bassi mai rilevati in quel periodo dell’anno.

Anche gli incendi in Siberia hanno battuto i record, emettendo nell’atmosfera circa 58 milioni di tonnellate di carbonio, il doppio rispetto al 2019, l’anno record precedente. Ancora una volta, la primavera secca, la bassa umidità del suolo e il fatto che gran parte della Siberia fosse già priva di neve a metà giugno, un mese prima del solito, hanno fatto sì che la stagione degli incendi iniziasse prima in condizioni che ne aumentavano la pericolosità.

Lo stretto legame tra le condizioni in Europa e nell’Artico è uno dei motivi per cui il rapporto ESOTC copre l’intera regione artica. “Non ci si può limitare a guardare l’Artico europeo; bisogna considerare la situazione generale”, afferma il dott. Nicolas. “Ciò che accade nell’Artico ha conseguenze anche sul clima e sulle condizioni meteorologiche dell’Europa. Infatti, le alte temperature in Europa all’inizio del 2020 sono state la conseguenza di un’ampia massa d’aria calda sulla Siberia. Quello che è successo in entrambe le regioni apparteneva allo stesso modello climatico”.

Raro esaurimento dell’ozono nel nord

“La gente sa del buco dell’ozono nell’Antartico. Nell’Artico le condizioni sono diverse e la riduzione dell’ozono è minore”, afferma il dott. Nicolas. “Il 2020 è stato un po’ diverso perché si è verificato un evento record di impoverimento dell’ozono nell’Artico a marzo e all’inizio di aprile. Non si è trattato di un vero e proprio buco dell’ozono come nell’Antartico, ma è stata comunque la più bassa concentrazione di ozono stratosferico mai registrata nell’Artico”.

Alla ricerca di una spiegazione, il rapporto ESOTC punta verso il vortice polare: un anello di potenti venti che soffiano da ovest intorno al Polo Nord e che varia su base annuale. La sua forza ha effetti sulla quantità di aria polare che si mescola con l’aria proveniente da latitudini inferiori nell’atmosfera più alta, dove si forma l’ozono a determinate temperature. “Il vortice polare è stato eccezionalmente forte ed è rimasto tale più a lungo del solito”, afferma il dott. Nicolas. “Ha intrappolato l’aria fredda sulla regione polare settentrionale e non ha permesso che l’aria del nord si mescolasse con l’aria delle medie latitudini, più ricca di ozono”. Queste quantità di ozono a nord, già basse, si sono ulteriormente ridotte alla fine dell’inverno polare, quando la luce solare è tornata e ha attivato nell’atmosfera sostanze chimiche dannose per l’ozono.

Emissioni globali di gas serra ancora in aumento

Nonostante l’interruzione temporanea delle attività durante la pandemia COVID-19, le concentrazioni di CO2 sono comunque aumentate dello 0,6%, o di circa 2,3 parti per milione (ppm). Sebbene l’aumento sia leggermente inferiore rispetto agli ultimi anni, i dati evidenziano che le concentrazioni atmosferiche di gas a effetto serra per il 2020 si attestavano alla media annuale globale più alta dal 2003, secondo le registrazioni satellitari del Copernicus Atmosphere Monitoring Service (CAMS). “La gente avrà pensato che ci sarebbe stato un chiaro rallentamento delle emissioni. Tuttavia, nonostante la riduzione delle emissioni, abbiamo continuato ad aggiungere una grande quantità di gas a effetto serra nell’atmosfera e, di conseguenza, la concentrazione è salita”, afferma la dott.ssa Vamborg. “Ha fatto la differenza, ma non così grande da essere notata. È necessario che ciò accada molte altre volte”.

Il monitoraggio delle condizioni climatiche annuali resta essenziale per comprendere le evoluzioni a lungo termine del sistema climatico. Molti diversi tipi di dati vengono utilizzati per inserire le informazioni nel rapporto. Dai dati satellitari a quelli terrestri, abbinati alla modellazione computazionale, sono solo alcuni esempi della varietà di fonti utilizzate per migliorare l’esattezza dei risultati. “I dati dello scorso anno sono in linea con le aspettative che le temperature aumenteranno ovunque”, afferma la dott.ssa Vamborg. “Le alte temperature record si registrano sempre più spesso ed è importante continuare a fare questo monitoraggio anno dopo anno. È questa combinazione di dati che ci mostra le tendenze”.