ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dalla F1 al Covid-19: intervista a Flavio Briatore prima del ricovero

euronews_icons_loading
Dalla F1 al Covid-19: intervista a Flavio Briatore prima del ricovero
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai Tourism
Dimensioni di testo Aa Aa

È conosciuto principalmente per essere stato team manager in Formula 1, quello che l'ha rivoluzionata, prima con la scuderia Benetton e poi con la scuderia Renault, e per essere a capo del Gruppo internazionale di hospitality di lusso Billionaire Life.
Da qualche giorno Flavio Briatore è però balzato agli onori della cronaca per il suo ricovero all'ospedale San Raffaele di Milano, dove è risultato positivo al coronavirus. Briatore, 70 anni, si trova in un reparto di terapia non intensiva.
Prima del suo ricovero, in una lunga chiacchierata con Euronews, ha ripercorso alcune delle tappe principali della sua carriera e ha parlato della sua passione per Dubai.

Jane Witherspoon per Euronews: Mi riporti all'inizio della sua carriera. Ha sempre saputo di voler entrare in affari?
"Come tutti, e qualcuno ha successo e qualcun altro no. Credo che ogni ragazzo, ogni giovane donna, ogni giovane uomo voglia avere successo.

È negli anni '70 che ha conosciuto Luciano Benetton. È stato davvero un momento cruciale della sua carriera.
"Tutti hanno bisogno di qualcuno che li aiuti. A un certo punto, tutto era Benetton! Luciano era un uomo di successo. Ma nessuno sapeva quanto fosse grande. Capisci cosa intendo? Ogni volta incontri un sacco di gente, ma hai pochissimi amici. Ma, certo, la mia vita è cambiata completamente.

La sua carriera in F1 con Benetton e Renault, com'era allora?
"Non avevo alcuna intenzione di entrare in Formula Uno. Non avevo mai visto una gara in vita mia. La squadra era supportata totalmente dalla famiglia Benetton. Non c'era nessuno sponsor. Era un favore. Mi ci sono voluti solo due o tre mesi per far capire a queste persone di cosa parlavo a livello commerciale, cosa bisognava fare, ecc.
Poi, le finanze della Benetton sono andate molto, molto meglio. Luciano mi ha chiesto di continuare a fare il direttore commerciale. Nel frattempo ho licenziato tutti, tutta la squadra, ho licenziato l'amministratore delegato e tutti quelli accanto all'amministratore delegato.
È stato così che abbiamo iniziato a gestire il team in modo adeguato. Per vincere, avevamo bisogno di un buon pilota. E nessun pilota voleva venire da noi perché eravamo produttori di magliette. Sai, hai la Ferrari, la McLaren, la Williams, e poi il produttore di magliette 'Benetton'. La squadra si chiamava Benetton, era piuttosto divertente. Ma non è stato così 'divertente' a lungo perché abbiamo iniziato a essere competitivi molto velocemente. E, nel 1992, abbiamo trovato Michael Schumacher. Abbiamo lottato per avere Michael. Nel 1994 abbiamo vinto il primo campionato. A questo punto, non eravamo più i produttori di magliette, ma eravamo la squadra da battere. Michael era una persona molto speciale. Indipendentemente da quello che aveva fatto in pista, era una persona molto speciale.

Se torniamo indietro al 2008, al Gran Premio di Singapore, lei è stato accusato di aver truccato le gare, è arrivato in tribunale, le è stata comminata una sospensione. Se potesse tornare indietro, farebbe le cose in modo diverso?
"Siamo stati al tribunale civile. Siamo andati all'Alta Corte di Parigi e abbiamo vinto la causa. Insomma. Questa sospensione è andata bene per un mese perché tutto è stato manipolato da.... non ho alcun problema a dirlo, dal presidente della federazione (Max Mosley ndr), perché non gli sono mai piaciuto fin dal primo giorno. Ed era già contro di noi. Ha sospeso Schumacher per quattro gare. Gestiva la Formula Uno come se fosse il suo giocattolo, punendo la gente a destra e a manca. Pazzo, completamente pazzo. E l'Alta Corte di Parigi ha annullato la sospensione e ha fatto pagare la federazione. Per me è stato possibile tornare dopo un mese. Questa faccenda di Singapore mostra che avevamo un pilota, questo pilota aveva un incidente in ogni gara. A volte due incidenti nella stessa gara. Quindi, se trucco le gare con un pilota, perché dovrei licenziarlo prima della fine della stagione? In più, abbiamo vinto la gara perché Massa ha fatto una c* al pit stop. 5 piloti davanti a noi hanno fatto degli errori . Siamo stati fortunati ad esserci.

Non vuole tornare al paddock un giorno?
"No, e per fare cosa poi? Se volessi tornare, tornerei domani mattina, ma non lo voglio. Perché ero uno dei migliori. Storicamente, quando si parla dei protagonisti della Formula Uno, il primo che ha reso la Formula Uno diversa, sono stato io. Di cosa parla la gente? La gente ama parlare. Ho vinto la gara con tre squadre diverse. A Montecarlo ho vinto più di chiunque altro. Cosa dovrei andare a fare? Sarebbe ridicolo tornarci!

Pensa che Lewis Hamilton possa potenzialmente eguagliare i titoli del Gran Premio di Schumacher?
"Lo sport è cambiato. Ora l'auto è molto più tecnica, molto più facile da guidare. Ma ci vuole il talento. Se metti Hamilton in Ferrari, fa gli stessi risultati di Leclerc o di Vettel. All'epoca, con Micheal, il pilota era molto più importante. Perché le macchine era molto più simili. La differenza la faceva il pilota. Il pilota era un gladiatore.

Non è solo la Formula Uno. Si è dilettato anche nel calcio. I Queen's Park Rangers. Lei e il suo buon amico Bernie. È stato più difficile della F1?
"Sì. Molto più difficile, perché nel calcio hai il giocatore, il padre, la madre, il manager, lo zio. In Formula Uno è molto più orientato al business, alla gara, alla performance. Ma se dovessi scegliere, certo che sceglierei la Formula Uno.

Lei ha scelto di avviare diverse iniziative imprenditoriali a Dubai. Perché la città si presta così bene ad alcuni dei suoi marchi?
"Dubai è fantastica. La città e l'ambiente. È la più grande operazione immobiliare del mondo. Il fatto che ci investiamo è perché crediamo in Dubai. Crediamo fermamente in Dubai. La gestione dei ristoranti è la migliore. Abbiamo le persone migliori a Dubai.

Può parlarmi della Billionaire Life (la sua holding commerciale che comprende i ristoranti, l'intrattenimento di lusso, eccetera) e dove questo colma una lacuna nel mercato?
"Ho deciso di tornare al food and beverage. Abbiamo fatto l'accordo con Sumosan nel Regno Unito e ha iniziato a funzionare molto bene. Al Billionaire, facciamo l'esperimento di Dubai. Abbiamo il cibo, abbiamo lo spettacolo: c'è una cena spettacolo. Questa è la chiave del nostro successo a Dubai: il dinner show. Quindi, vediamo che questo concetto funziona.

Il Covid-19 ha cambiato il mondo. Pensa che l'industria del Food and Beverage si riprenderà dalla crisi innescata dal coronavirus?
"Al 100%, se le persone vogliono divertirsi, vedere altra gente. Altrimenti non è più vita. La gente ha bisogno di incontrarsi.

Cosa pensa che possiamo imparare dalla pandemia a livello globale? Pensa che sia stata manipolazione?
"Al 100 per cento! È la politica. Le persone che vogliono rimanere al governo. Abbiamo il peggior esempio di governo in Italia della nostra storia. È tutta propaganda. Non uno dei nostri ministri ha lavorato un'ora nella vita. Zero esperienza dei nostri politici! Prima che finissero in politica non avevano lavoro.

Pensa che il Regno Unito dovrebbe lasciare l'Ue senza un accordo?
"Non credo, perché nel Regno Unito, se togliete l'italiano e il polacco, chi farà il lavoro? È stata una decisione sbagliata e spero che il Regno Unito sopravviva perché lì abbiamo degli affari. Ora dobbiamo vedere il modello del business e decidere se restare o andare via.

È amico di Donald Trump. Pensa che sarà rieletto a novembre?
"Sì. non ha concorrenza.

Amicizia a parte, pensa che sia l'uomo giusto per questo lavoro?
"Credo di sì. Cioè, abbiamo un'occupazione record in America; abbiamo il record di Wall Street. Voglio dire, non so cosa la gente voglia di più. È un manager, non un politico. Come me, è uno che ti dice le cose come stanno".