ULTIM'ORA
This content is not available in your region

E-commerce e robot, il futuro dell'economia dopo la pandemia di Covid-19

euronews_icons_loading
E-commerce e robot, il futuro dell'economia dopo la pandemia di Covid-19
Dimensioni di testo Aa Aa

Le prospettive di business nell’era del coronavirus possono sembrare alquanto deprimenti. Ma non è tutto negativo: molte aziende hanno trovato nuove opportunità nell’ambito dell’e-commerce, l'industria dell'intrattenimento dal vivo mette a disposizione le sue competenze in altri ambiti e i robot colmano il vuoto lasciato dagli umani.

"I cambiamenti creeranno nuovi segmenti e nuovi settori"

Khalid Elgibali di Mastercard ci parla delle tendenze comportamentali di consumatori e aziende dall’inizio della pandemia mondiale.

Abbiamo visto l’impatto negativo che i lockdown generalizzati stanno avendo sull’economia mondiale. Ma quali sono le tendenze chiave che ha visto lei nei consumatori e nelle aziende dall’inizio di questa pandemia?

"Sarebbe probabilmente inesatto dire che l’economia nel suo insieme ha subito un impatto negativo. Ci sono segmenti e settori che hanno avuto in realtà un’impennata positiva. Le faccio l’esempio delle piattaforme di streaming per l’intrattenimento domestico. Fino a tre mesi fa io ne avevo solo una, oggi ne ho cinque. E sono sicuro che ci sono molti altri consumatori che, come me, hanno dovuto cambiare il loro comportamento. Quindi ci sono segmenti e settori in quest’economia che ne hanno beneficiato. Certo, ci sono segmenti e settori, naturalmente, come i viaggi, il turismo, i ristoranti, che ne sono stati colpiti, e hanno dovuto cambiare il loro modello di business. Non c’è più grande motivatore della sopravvivenza. Molti dei tradizionali flussi di entrate che erano basati sul fatto che i clienti andassero fisicamente nei negozi non esistono più".

Euronews
C'è anche chi ha approfittato della crisi...Euronews

Voi avete recentemente pubblicato un rapporto sul boom dei pagamenti senza contanti. Può dirci qualcosa di più sui risultati?

"Otto intervistati su dieci dicono che l’uso continuato di denaro contante solleva in loro certe domande o dubbi: è abbastanza pulito? È abbastanza sicuro? E così via. Ed è interessante vedere che fra il 70 e l’80 per cento dei consumatori dice di non voler più usare denaro contante. Punto e basta. I consumatori hanno deciso di cambiare abitudini, e di cambiarle per sempre. E molti di questi cambiamenti creeranno nuovi segmenti e nuovi settori".

Dal teatro di Broadway all'allestimento di ospedali

Gran parte dell’industria dell’intrattenimento dal vivo è semplicemente incompatibile con il distanziamento sociale. Significa la fine di teatri e festival affollati? L’abbiamo chiesto a Jere Harris, Ceo di Production Resource Group, società nota per aver organizzato alcuni dei più grandi eventi dal vivo al mondo, dalle rappresentazioni di Broadway alle cerimonie olimpiche.

Jere, raccontarci in che modo la pandemia ha influenzato la sua attività?

"Per la nostra azienda e per quel che facciamo, il nostro intero mondo si è fermato. Sa, in media facciamo fra i 15 e i 20 milioni di dollari alla settimana di entrate. Boom. Tutto fermo. Abbiamo dovuto lasciare gente a casa in tutto il mondo. Se ristoranti e bar potranno aprire con qualche forma di distanziamento sociale, è impossibile gestire una produzione teatrale del West End o uno spettacolo di Broadway in questo modo, dal punto di vista economico, anche distanziando i posti. Penso che questo ci cambierà, cambierà definitivamente la nostra azienda, perché adesso vediamo le cose diversamente. Vediamo molte più opportunità di streaming. Si può fare molto con le tecnologie che abbiamo oggi, e alcune persone possono rendersi conto che possiamo fare molto in modo più semplice".

La società ha messo a disposizione le proprie competenze nell’organizzazione rapida di eventi per aiutare a combattere la pandemia a Berlino e New York.

"Una caratteristica dell’industria della produzione è che tutto ciò che facciamo è temporaneo. Quindi se è previsto uno spettacolo a Dubai per due sere a marzo, lo allestiamo, lo facciamo, lo disfiamo, e andiamo ad Abu Dhabi. Si tratta di saper improvvisare in fretta. Quindi quello che abbiamo fatto all’ospedale di Berlino è stato di fornire tutte le infrastrutture in modo che il personale medico potesse operare e creare un ospedale temporaneo. Certo, su una scala diversa da quel che avremmo fatto per gli U2, i Coldplay o cose del genere, ma tutti qui hanno detto: certo, possiamo farlo".

Un esempio di come le aziende adattano le proprie risorse e utilizzano le competenze della loro forza lavoro in modi diversi dal solito.

I robot alla riscossa

E con le interazioni umane ridotte al minimo in tutto il mondo, i robot e l’automazione hanno permesso ad alcune aziende di adattarsi al distanziamento sociale. I robot stanno diventando rapidamente essenziali per le pulizie, lo stoccaggio e la consegna a domicilio. Ad esempio Tracy, di Broad Branch Market, descrive come li usa: “Oggi abbiamo cinque robot in funzione, ne abbiamo avuti fino a dieci, dipende dalla disponibilità, e ora alcuni stanno svolgendo un lavoro di mappatura, quindi le distanze si allungano. Avevamo tutto un sistema di consegna e ritiro quando abbiamo chiuso il negozio ai clienti il primo aprile. Ci sono volute due settimane buone per organizzare il nostro sistema di consegna e ordinazione di generi alimentari”.

In certi ambiti i robot potrebbero avere un enorme impatto sulla riduzione della diffusione del virus. Per Brad Bogolea di Simbe Robotics, il Covid-19 ha "Reso l’automazione e il bisogno di avere dati più precisi nella vendita al dettaglio più importanti che mai. Pensiamo che spingerà ad adottare sempre di più la robotica".

Phil Duffy di Brain Corp insiste che la manodopera umana continuerà a essere indispensabile: “Non stiamo cercando di sostituire l’elemento umano, le aziende che lo fanno spesso falliscono, perché gli umani sono flessibili e possono svolgere molti compiti. Il nostro è uno strumento avanzato che consente loro di raggiungere un livello produttivo più alto e di concentrarsi su attività di valore più elevato”.

L’accelerazione nell’automazione e nella robotica sta avvenendo a livello mondiale. In Russia vengono installati tornelli intelligenti con controllo della temperatura, mentre in Cina un porto intelligente dotato di 5G è in grado di scaricare e immagazzinare merci automaticamente. Se la pandemia presenta all’umanità sfide senza precedenti, l’umanità presenta soluzioni senza precedenti per combatterla.