This content is not available in your region

Putin-Al Nahyan, un bilaterale su petrolio e crisi in Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
Vladimir Putin e il Presidente degli Emirati Arabi Uniti
Vladimir Putin e il Presidente degli Emirati Arabi Uniti   -   Diritti d'autore  Pavel Bednyakov/Sputnik   -  

Una visita che non è piaciuta del tutto a molte cancellerie occidentali. Alcuni giorni dopo la decisione dell'OPEC+ di tagliare la produzione mondiale di petrolio di due milioni di barili al giorno, Vladimir Putin ha incontrato il Presidente degli Emirati Arabi Uniti a San Pietroburgo. Al centro dei colloqui anche il taglio concordato e i rapporti bilaterali tra i due paesi.

"Stiamo lavorando attivamente, ha sottolineato il leader del Cremlino, facendo notare che tutte le decisioni e le azioni prese non sono dirette contro nessuno. Non agiamo per creare problemi, quello che facciamo mira solo a garantire la stabilità nei mercati energetici globali, ha detto Putin.

Anche se in agenda non poteva mancare la guerra in Ucraina, il bilaterale ha avuto un forte carattere economico. Per lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Nonostante le difficili condizioni economiche dovute alla pandemia, gli Emirati Arabi Uniti sono riusciti a fare molto, aumentando il loro fatturato commerciale da 2,5 a 5 miliardi.

In merito alle relazioni tra Russia ed Emirati, Putin ha quindi fatto sapere che “si stanno sviluppando con molto successo”. Nel 2021 la crescita dei volumi degli scambi è stata del 65 per cento e quest’anno ha segnato un +17 per cento.

Petrolio e crisi in Ucraina

Putin ha anche affrontato il ruolo della Russia e degli Emirati all’interno dell’alleanza Opec+ che riunisce gli Stati membri dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e i produttori al di fuori del Cartello guidati da Mosca.

Al Nahyan ha inoltre rivelato che al momento negli Emirati operano circa 4.000 aziende russe. “Tutto questo rafforza il ponte che abbiamo costruito insieme. Crediamo che nei prossimi anni raddoppieremo tutti questi numeri”, ha affermato il presidente emiratino.

Arabia Saudita, Qatar e altri paesi arabi non hanno mai condannato l'invasione russa dell'Ucraina, né si sono mai detti favorevoli all'espulsione di Mosca della dall'OPEC+. L’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) e i produttori al di fuori del Cartello guidati da Mosca ha sempre affermato di non perseguire obiettivi politici ma solo economici. Tuttavia, le sue decisioni stanno rafforzando, di fatto, la strategia della Russia, ignorando le richieste occidentali di aumentare le forniture per dare un po’ di respiro e abbassare l’inflazione ormai alle stelle.