This content is not available in your region

Independence day dell'Ucraina, strage alla stazione di Chaplyne

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Uno scatto dalla manifestazione di Lisbona
Uno scatto dalla manifestazione di Lisbona   -   Diritti d'autore  Armando Franca/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

L'Ucraina festeggia i suoi 31 anni di indipendenza, ma in tono minore. Niente parata a Kiev per motivi di sicurezza, ma il messaggio lanciato alla Russia è chiaro: "Ci batteremo fino alla fine, senza nessun compromesso", ha detto Zelensky nel suo discorso alla nazione.

Se il temuto attacco nella capitale non c'è stato, i russi hanno però colpito con un attacco missilistico la stazione di Chaplyne, uccidendo oltre 20 persone.

A Kiev Zelensky ha ricevuto la visita del premier britannico Boris Johnson, mentre in molti paesi europei ci sono state delle manifestazioni a sostegno dell'Ucraina. 

All'Onu è andato in scena un duro confronto tra i due paesi.

"La giornata di oggi segna una triste e tragica pietra miliare: sei mesi dall'invasione russa dell'Ucraina il 24 febbraio - ha detto il segretario generale dell'Onu Guterres - Durante questo periodo, migliaia di civili sono stati uccisi e feriti, tra cui centinaia di bambini. Il mondo ha assistito a gravi violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commesse con molta superficialità".

"La Russia ha messo il mondo sull'orlo di una catastrofe nucleare - ha attaccato Zelensky -. È un fatto che l'esercito russo abbia trasformato l'area della più grande centrale nucleare d'Europa, la centrale di Zaporizhzhia, in una zona di guerra".

La crisi energetica per l'Europa, la minaccia della fame su larga scala, il caos politico per i paesi africani e asiatici, l'inflazione nel mondo intero, non è troppo per un solo paese il cui rappresentante siede tra di voi?
Volodymyr Zelensky

"La responsabilità di queste bugie è del regime di Kiev - ha risposto l'ambasciatore russo - che è andato al potere nel 2014 con un colpo di Stato incostituzionale portato avanti con un certo numero di paesi occidentali. Fin dall'inizio i nuovi governanti hanno portato il paese verso il disastro, lungo il cammino della russofobia e della glorificazione dei criminali nazisti".