ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il vino belga migliora: "miracoli" del cambiamento climatico

Lettura in corso:

Il vino belga migliora: "miracoli" del cambiamento climatico

Il vino belga migliora: "miracoli" del cambiamento climatico
Dimensioni di testo Aa Aa

Snobbato finora dai cugini francesi, il vino belga si fa spazio sulla carta dei vini del mondo. La ragione starebbe nel riscaldamento globale che aumenterebbe la qualità e quantità del prodotto. Le cifre del 2017 lo confermano: il numero di produttori di vino è aumentato da 117 nel 2016 a 128 nel 2017 e la produzione ha sfiorato il milione di litri.

John Collijs, distributore di vini e liquori belgi, ci racconta che cinque anni fa c'erano circa 80 ettari di viti per tutto il Belgio. "Ora siamo passati a 350 quindi siamo stati in grado di moltiplicare per 5 l'area e la produzione. Da 5 anni a questa parte le cose stanno andando alla grande".

John ritiene che il cambiamento climatico possa in parte spiegare il miglioramento della produzione belga. D'altra parte, riconosce ad esempio che il sole di quest'anno modificherà il calendario della raccolta dell'uva.

"Credo che il raccolto verrà s sicuramente anticipato. Normalmente il raccolto in Belgio va dalla seconda settimana di settembre al massimo la seconda settimana di ottobre. Penso che molti vigneti e i produttori di vino quest'anno faranno la vendemmia all'inizio di settembre ".

Ci spostiamo presso la tenuta Chenoy vicino a Namur, la più grande area viticola del paese per vino rosso. Qui lavora Jean Bernard, esperto di agricoltura biologica, che si dice scettico sull'impatto del cambiamento climatico sulla produzione vinicola belga.

"Sono molto prudente riguardo questo argomento perché prima di tutto non sappiamo se si puoi parlare di riscaldamento. Preferisco dire cambiamento climatico. Non sappiamo veramente cosa stia succedendo e sono anche molto diffidente nei confronti degli eventi estremi. Abbiamo avuto un anno in cui è andato tutto bene, fa caldo come nel M Mediterraneo, tutti i belgi sono contenti e lo sono anch'io. Ma questo non ci protegge da tempeste e grandine. Ovviamente vediamo che ci sono dei cambiamenti ma non so dire se tra 30 anni ci troveremo nella situazione opposta".

Per Jean-Bernard Despatures, la crescita della produzione belga può essere spiegata da vari fattori. Le viti sono invecchiate e i viticoltori conoscono meglio le loro terre.

"E' necessario il territorio, le buone condizioni climatiche e un certo savoir faire e questo non può essere improvvisato: c'è bisogno di teoria ma soprattutto di pratica. Essendo invecchiate le vigne, iniziamo ad avere un ecosistema di vino belga che esiste davvero, a differenza di 20 - 25 anni fa, dove ci sentivamo molto molto soli ".

Un vino di migliore qualità, sia belga o no, viene consumato con moderazione nel paese della bitta. Si stima che il consumo in Belgio sia di 300 milioni di bottiglie all'anno.