ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trattare i migranti in modo umano: gli sforzi della Serbia

Lettura in corso:

Trattare i migranti in modo umano: gli sforzi della Serbia

Trattare i migranti in modo umano: gli sforzi della Serbia
Dimensioni di testo Aa Aa

Il parco Luke Ćelovića nel centro di Belgrado era il primo posto dove si recavano i rifugiati quando arrivavano in Serbia.

Il chiosco al suo interno era il punto d'incontro principale per i rifugiati: centinaia di migranti dormivano qui. Ora, quello che veniva chiamato semplicemente il parco dei rifugiati, è completamente vuoto.

Il parco Luke Ćelovića, che ospitava centinaia di migranti prima che fossero trasferiti dal governo serbo in campi e centri di accoglienza

Le autorità serbe hanno espulso i migranti dagli spazi aperti e adesso soggiornano nei centri di accoglienza o negli ostelli. Secondo i funzionari, ci sono almeno 4.500 migranti in campi gestiti dal governo. Molti vorrebbero andare in Germania, ma restano bloccati in Serbia a causa dei controlli di frontiera in Croazia e Ungheria.

"Sto qui ma voglio andare in Germania. Prima in Bosnia, e dopo in Germania", risponde un giovane di origini pakistane che è in Serbia da 4 mesi. "Ho già provato ad attraversare il confine verso l'UE due volte. Ma al confine ho trovato la polizia e mi hanno catturato. Ma dobbiamo provare e riprovare. E se Dio vuole oggi ci riusciremo".

ONG come Info Park forniscono aiuto ai migranti a Belgrado, offrendo internet e informazioni sui loro diritti. La Serbia è diventato un punto caldo dei flussi migratori.

Stefan Tatalovic, attivista, ci racconta che "la maggior parte delle volte i migranti sono tornati da noi raccontando dei violenti respingimenti da parte della polizia di paesi come Croazia, Ungheria e talvolta Romania che usano le maniere forti ".

Stefan Tatalovic, attivista presso Infopark

l percorso intrapreso da molti in Germania, la cosiddetta "rotta dei Balcani", è stata chiuso nel 2016 quando la Turchia ha accettato di arginare il flusso di persone, in cambio di aiuti da parte dell'UE e della promessa di una liberalizzazione dei visti per i propri cittadini.

Ma i migranti dal Medio Oriente, dall'Africa e dall'Asia hanno continuato ad arrivare in Serbia, principalmente dalla Turchia, attraverso la vicina Bulgaria, tentando di entrare nell'UE attraverso Ungheria e Croazia, due stati membri.

"Trattare la Serbia come paese di transito è una situazione favorevole a entrambi- riprende Tatalovic- per migranti e rifugiati, che vogliono continuare il viaggio, ma anche per la Serbia, che vuole restare tale perché è più facile mantenere questa politica e avere un buon rapporto con l'Unione europea. È necessario controllare l'immigrazione, gestirla e controllare le frontiere per non lasciare che troppe persone continuino il viaggio. Ma lo si può fare come ha fatto la Serbia: in modo umano, rispettando i diritti umani senza violenti respingimenti.