ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I primi 100 giorni in Belgio di Carles Puidgemont

Lettura in corso:

I primi 100 giorni in Belgio di Carles Puidgemont

Dimensioni di testo Aa Aa

A cento giorni dal suo arrivo a Bruxelles, l'ex presidente catalano Carles Puigdemont fa ormai parte della tappezzeria. Lo si può trovare in particolare in due luoghi: lo Husa President Park Hotel, proprietà di una famiglia catalana, dove tiene le sue riunioni di lavoro e a volte occupa una suite; e la villetta da 550 metri quadri dove risiede - ironicamente - a Waterloo e il cui affitto ammonterebbe a 4.400 euro al mese.

Ma chi paga per tutto questo?

L'abbiamo chiesto al suo avvocato belga, Paul Bekaert, che è rimasto evasivo: "È un segreto professionale, naturalmente. Qualcuno mi paga, non è un problema", ha risposto.

In Belgio Puigdemont può contare su due figure fidate: uno è l'amico imprenditore catalano José Maria Matamala; l'altro è, per l'appunto il suo legale. Ma a sostenerlo c'è anche il partito nazionalista fiammingo.

Politico ipotizza 5 possibili "lavori" per Puigdemont in Belgio: corrispondente estero per un giornale; politico fiammingo; guardia forestale; venditore di patatine fritte; guru tecnologico

Ma l'ex leader catalano in cento giorni fino a che punto è riuscito a integrarsi in Belgio?

Uno youtuber belga ha cercato di capirlo.

Ma per ora il suo fiammingo è limitato a due espressioni chiave: "Grazie" e "prego"

Abbastanza perché i fiamminghi gli concedano, eccezionalmente, di parlare in francese.