ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grosse Koalition in Germania: "È solo questione di ore"

Lettura in corso:

Grosse Koalition in Germania: "È solo questione di ore"

© Copyright :
Foto: REUTERS/Hannibal Hanschke
Dimensioni di testo Aa Aa

Basta ritardi, oggi l'accordo. Merkel: "Pronta a dolorosi compromessi"

La nuova Grosse Koalition è ormai forse solo questione di ore. Ancora divisi da qualche non trascurabile dettaglio su sanità e lavoro, Angela Merkel e Martin Schulz su questo sono però d'accordo: salvo sorprese, oggi sarà il giorno della decisione. Messa all'angolo da negoziati ormai ampiamente sconfinati ai supplementari, la cancelliera tedesca della CDU ha parlato di disponibilità a "dolorosi compromessi", che saranno comunque necessari da ambo le parti.

"Siamo nella fase decisiva dei negoziati per la formazione della coalizione - diceva in giornata Angela Merkel -, questo credo sia ormai chiaro a tutti. Si tratta ora solo di trovare un accordo finale". 

Il volto di Angela Merkel troneggia sulla facciata della Konrad Adenauer Haus, sede della CDU che ospita i negoziati

Ultimi ostacoli per l'accordo: i contratti a tempo determinato e le assicurazioni sanitarie

A limitare il margine di manovra dell'SPD, il via libera che l'accordo dovrà ottenere dalla base. "Ancora una volta faremo sentire il nostro peso sulle politiche sociali e in particolare su quella sanitaria e del lavoro", prometteva in giornata il Segretario Martin Schulz. Un minore ricorso a contratti a tempo determinato e una riduzione del divario fra assicurazioni sanitarie pubbliche e private, le rivendicazioni socialdemocratiche per il via libera all'accordo. 

Foto: REUTERS/Hannibal Hanschke

Ancora più Europa di Germania. La proposta di accordo maturata finora

Il terreno di intesa si è finora sostanziato in 167 sofferte pagine, articolate in 14 capitoli, di forte matrice europeista. Emblematico dell'importanza riconosciuta al tema, il fatto che la "Proposta di accordo di coalizione" si aprà con un capitolo intitolato "Per una nuova partenza in Europa", a cui segue, soltanto come secondo, quello invece dedicato a "Una nuova dinamica per la Germania".