ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lo "scandalo Lactalis" coinvolge 83 Paesi, 12 milioni di confezioni ritirate

Nella prima intervista concessa, l'AD del gruppo francese ammette il problema e promette risarcimenti a tutti coloro che hanno subito danni

Lettura in corso:

Lo "scandalo Lactalis" coinvolge 83 Paesi, 12 milioni di confezioni ritirate

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltrepassa i confini francesi lo scandalo "Lactalis". L'allarme per i casi di salmonella, dovuti al latte in polvere per bambini prodotto dall'azienda transalpina, coinvolge almeno 83 Paesi. Tra questi, non ci sarebbe l'ltalia, come confermato dal Ministero della Salute. Sono 35 i bambini con salmonellosi diagnosticati in Francia, dopo aver consumato prodotti della Lactalis e ci sarebbero almeno un caso in Spagna e uno in Grecia.

"Sarebbe l'ora di sapere dove sono queste confezioni, dove sono state distribuite, quali Paesi sono coinvolti. Bisogna fare tutto il necessario adesso", ha dichiarato Quentin Guillemain, Presidente dell'Associazione delle vittime."Perché ovviamente se oggi abbiamo scoperto che 83 Paesi sono coinvolti, possiamo immaginare che la situazione non sia chiara ovunque".

L'amministratore delegato di Lactalis Emmanuel Besnier ha rilasciato per la prima volta da quando è scoppiato lo scandalo un'intervista al "Journal du Dimanche", nella quale ha fatto sapere che "oltre 12 milioni di confezioni sono sono state ritirate e che tutte le famiglie che hanno subito danni verranno risarcite"

Le associazioni di consumatori francesi si preparano allo scontro in tribunale con la società. Alcuni marchi della grande distribuzione, inoltre, hanno già deciso di non esporre più sui propri scaffali alcun prodotto del gruppo.

"Visto che l'infrazione è stata commessa in territorio francese, nel dipartimento della Mayenne, visto che l'autore presunto - in questo caso il gruppo Lactalis - ha la sua sede sociale in Francia, le vittime, che siano greche, spagnole o cinesi avranno la possibilità di sporgere denuncia in Francia, presso la procura di Parigi", ha spiegato in conferenza stampa Jade Dousselin, avvocato dell'Associazione delle vittime.