ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Catalogna: la consulta sospende il decreto per la convocazione del referendum

Dopo la sfida aperta lanciata dalla Catalogna a Madrid con l'approvazione della legge per la convocazione del referendum sull'indipendenza, il governo di Rajoy chiede alla Corte Costituzionale di sospendere il decreto. I giudici accolgono il ricorso di Madrid.

Lettura in corso:

Catalogna: la consulta sospende il decreto per la convocazione del referendum

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corte Costituzionale spagnola ha sospeso, su richiesta del governo di Madrid, il decreto di convocazione del referendum sull’indipendenza della Catalogna messo in agenda per il primo ottobre e firmato ieri dal presiidente catalano Puigdemont e dai suoi ministri. L’esecutivo spagnolo aveva presentato ricorso contro le decisioni prese dalla Catalogna in una lunga maratona parlamentare. La Consulta ha dichiarato ricevibile il ricorso, e illegale la consultazione referendaria. Il premier Rajoy ha trovato l’appoggio di tutte le parti politiche.

Adriana Lastra, segretario del Psoe, ha confermato il sostegno del suo partito: “Il governo sa che può contare sul pieno sostegno del Partito Socialista per assicurre il rispetto dello stato di diritto, contro coloro che lo minacciano”. Le fa eco il leader di Ciudadanos, Albert Rivera: “Eviteremo con decisione questo golpe alla democrazia e lo faremo con la democrazia, usando la legge. Senza esitazione. Perchè siamo un Paese democratico e sappiamo che possiamo contare su diversi strumenti per difenderlo”.

Il parlamento catalano intanto ha approvato questa notte per iniziativa della maggioranza assoluta secessionista la legge di ‘rottura’ con Madrid, che entrerà in vigore se il ‘sì’ vincerà al referendum di autodeterminazione del 1 ottobre. La minoranza ‘unionista’ è uscita dall’aula al momento del voto.