ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra:"Non ci faremo riccattare dall'UE sulla Brexit"

Lettura in corso:

Londra:"Non ci faremo riccattare dall'UE sulla Brexit"

Dimensioni di testo Aa Aa

È seccata la reazione del Ministro del Commercio Estero di Londra, Liam Fox, la Gran Bretagna non intende farsi “ricattare” dall’Ue sul conto da pagare per la Brexit. Durante il viaggio in Giappone, insieme alla premier Theresa May, proprio per discutere dei negoziati fermi ad un punto morto, il ministro ha precisato: “Ho ricevuto rappresentanti di aziende da tutt’Europa, dalla germania alla Spagna che mi chiedevano di fare pressione sulla Commissione per cercare di capire quale sia l’idea finale di accordo che loro hanno in mente, dobbiamo mantenere un ambiente aperto al commercio in Europa. introdurre ostacoli agli scambi o agli investimenti che non esistevano in precedenza è un segnale al resto del mondo, ad esempio gli investitori qui in Giappone, il segnale che l’Europa non è più aperta al mondo degli affari “.

A rincarare la dose anche il Sindaco di Londra, che ha sottolineato l’importanza dell’apertura per la crescita, la Brexit per ora non ha influenzato il flusso turistico a Londra secondo i dati diffusi dall’ufficio del sindaco. C‘è però bisogno di definire le condizioni di Brexit secondo il primo cittadino: “Prima delle elezioni l’offerta del Primo Ministro, Theresa May, era di una Brexit estremamente dura. Bisogna dimenticare l’ipotesi di non essere membri del mercato unico, di non avere accesso al mercato unico o all’unione doganale perchè i cittadini non lo accetteranno “ ha detto.

Giovedì l’ennesima disputa sull’accordo finanziario. Dal canto suo Bruxelles denuncia la poca chiarezza di Londra che ha ammesso che vi sono impegni finanziari da versare ma tentenna sulle modalità con cui calcolare il totale. Intanto il tempo scorre e la fase successiva del negoziato sembra sempre più lontana.