ULTIM'ORA

Cambio di rotta sull’Afghanistan: la Nato invierà più truppe. L’entità e i dettagli della missione verranno chiariti il mese di giugno in un summit a Bruxelles. Intanto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg sonda i Paesi membri e prepara il terreno, in questo ambito si inserisce l’incontro di questo mercoledì mattina tra Stoltenberg e la premier britannica Theresa May a cui il segretario Nato ha chiesto più soldati
“Non è un tornare indietro a operazioni di guerra. La missione sarà di training, assistenza e sostegno perché credo fortemente che il modo migliore di contrastare il terrorismo sia l’addestramento di forze locali” – ha detto Stoltenberg.

Il meeting Nato del 25 maggio sarà un’occasione per discutere della missione afghana ma sarà troppo presto per decidere l’invio di altre truppe.
In questo momento 13.000 soldati degli Stati Uniti e della Nato sono in Afghanistan; operano in base agli accordi di cooperazione firmati col presidente Ashraf Ghani. Ma Isil e talebani avanzano: gli Stati Uniti stimano che solo il 57 per cento del Paese sia sotto il controllo del governo centrale, una diminuzione del 15 per cento dal novembre del 2015. Da qui la decisione di inviare più truppe.