ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I rumeni non si fermano, vogliono le dimissioni del governo e nuove elezioni

Ma l'esecutivo ha già superato un voto di sfiducia in Parlamento

Lettura in corso:

I rumeni non si fermano, vogliono le dimissioni del governo e nuove elezioni

Dimensioni di testo Aa Aa

In Romania continuano le proteste contro il governo. A Bucarest la folla ne chiede ormai le dimissioni e nuove elezioni. Anche se le ultime si sono tenute solo due mesi fa, l’11 dicembre scorso.

Dragoush , un manifestante, dice:

Non ho fiducia nel governo. Dicono che fanno una cosa e invece ne fanno un’altra. Finché non mantengono le promesse fatte,resteremo qui.

E Robert dice:

Vogliamo un paese migliore, ecco perché suamo qui. Vogliamo che la giustizia venga applicata. Vogliamo che ci ascoltino e che rispettino i nostri diritti.

Jorge conclude:

Non siamo in piazza per il salario o la pensione, siamo qui per un principio, per un’idea, e quando ci uniamo tutti insieme per un idea, diventiamo molto forti.

L’esecutivo socialdemocratico ha superato un voto di sfiducia in Parlamento, due ministri, al commercio e giustizia, si sono dimessi. Il decreto cosiddetto salvacorrotti che aveva dato fuoco alle polveri è stato ritirato e il premier ha chiesto al parlamento di legiferare contro la corruzione.

Ma i rumeni restano mobilitati.