ULTIM'ORA

Lettura in corso:

L'Onu implora le parti per avere una tregua ad Aleppo Est


Siria

L'Onu implora le parti per avere una tregua ad Aleppo Est

Le strade di Aleppo Est, o quello che ne resta, piene di cadaveri. Sono le immagini che nessuno vorrebbe vedere, la conseguenza dei raid aerei russi da un lato e dell’avanzata dell’esercito siriano dall’altro. I feriti per strada, in una zona in cui non circolano più le ambulanze, distrutte dalle bombe o prive di carburante.

Il Sottosegretario delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari Stephen O’Braian, in collegamento da Londra con il Palazzo di Vetro, ha implorato di rompere l’assedio ad Aleppo Est.

“Per il bene dell’umanità facciamo appello alle parti, imploriamo le parti in causa e tutti coloro che hanno il potere di agire affchè vengano protetti i civili e si dia accesso alle aeree sotto assedio di Aleppo Est prima che diventino un immenso cimitero” ha detto chiedendo un intervento del Consiglio di Sirucezza delle Nazioni Unite. Un Consiglio di Sicurezza bloccato dal diritto di veto della Russia, solida alleata del regime di Bashar Al-Assad.

Alcuni Paesi tra cui Egitto, Spagna e Nuova Zelanda hanno preparato una bozza di risoluzione con la richiesta di 10 giorni di tregua umanitaria per consegnare viveri e dare assistenza medica ai civili che ancora sono bloccati in città. Tra sabato e martedì almeno 25.000 persone sono fuggite, a rischio della propria vita, sotto le bombe e nel pieno della battaglia tra ribelli ed esercito di Damasco.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Regno Unito. Vegani in rivolta contro le 5 sterline al grasso animale