ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Turismo: India protagonista al WTM di Londra, Serbia mercato emergente


economia

Turismo: India protagonista al WTM di Londra, Serbia mercato emergente

Il tasso di crescita del settore turistico in Asia supera spesso le doppia cifra. Quello dell’India, partner del World Travel Market di Londra, dovrebbe aumentare del 5,9% e del 12,8% per i viaggi di lusso, grazie alla velocizzazione del regime dei visti.

“Qualsiasi persona, direttamente da casa sua, può comilare in pochi minuti la richiesta online – spiega Vinod Zutshi, ministro del Tursimo indiano – La invia all’ufficio dell’immigrazione ed entro tre giorni riceve, via mail, il suo visto elettronico”.

Anche l’Europa propone mercati emergenti. A luglio Belgrado ha registrato un aumento del 16% dei turisti rispetto al 2015 e la Serbia vuole portare il settore al 9% del pil nei prossimi anni. Novi Sad sarà la capitale europea della cultura nel 2021.

“È la prima volta che una città di un Paese fuori dall’Unione europea viene nominata capitale europea della cultura – sottolinea Marija Labovic, amministratrice delegata dell’Organizzazione del Turismo in Serbia – Per noi è una grande opportunità, non solo per Novi Sad e per il Nord della Serbia, ma la ricaduta d’immagine su tutto il Paese”.

182 realtà territoriali hanno partecipato alla fiera del turismo di Londra. Secondo gli analisti, il World Travel Market genererà circa 3 miliardi di euro di contratti nel settore turistico.

“Per molti addetti ai lavori, le fiere del turismo non sono niente di speciale – conclude il giornalista di euronews, Sebastian Saam – Il World Travel Market di Londra, però, è diverso, perché qui si fanno grandi affari. Un obiettivo comune per realtà grandi e piccole. Questo è il palcoscenico di cui hanno bisogno per la loro attività”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

economia

Trump: Cina preoccupata per possibile aumento dazi, yuan ai minimi dal 2010