ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La NATO rafforza le difese militari nel Nord-Est Europa


Redazione di Bruxelles

La NATO rafforza le difese militari nel Nord-Est Europa

La NATO mostra i muscoli ma evita le tensioni con Mosca.
I ministri della difesa riuniti mercoledi a Bruxelles svelano il piano per l’ invio di truppe dell’alleanza nei confini orientali.

Il Segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg insiste sulla necessità di rispondere a fronte dell’imponente macchina militare che la Russia sta preparando da tempo.

Il piano prevede lo spiegamento di quattro battaglioni per un totale di 4000 uomini nei paesi Baltici e in Polonia, una strategia che la NATO vorrebbe adottare anche in quei paesi che si affacciano sul Mar Nero, vicini alla Crimea.
Ma l’invio di qualche migliaio di truppe è più che altro tattico, spiega un esperto militare:
“La NATO e gli alleati si aspettano che un contingente di militari e diplomatici entri in azione se dovesse scoppiare un conflitto e se le forze Russe dovvessero uccidere un britannico o un americano o un tedesco o un canadese o qulasiasi altro militare. Questo scatenerebbe immediatamente una crisi diplomatica.”

Dopo aver rafforzato i suoi confini a Nord Est, la NATO stabilirà la sua presenza anche nel Sud Est.
Tuttavia, fonti diplomatiche affermano che il piano potrebbe essere ritardato dalla Turchia che, specialmente dopo il fallito colpo di stato, è riluttante a cooperare con Bulgaria e Romania.
Il presidente Erdogan vuole evere un ruolo chiave nella regione del Mar Nero, che lui stesso ha descritto come un mare praticamente russo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Renzi: l'UE ci aiuti e noi rispetteremo gli impegni