ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Arabia Saudita: il rito della lapidazione di Satana fra rafforzate misure di sicurezza

Sotto elevata sorveglianza, si avvia alla conclusione l’hajj, il pellegrinaggio alla Mecca, in Arabia Saudita, fra i cinque pilastri dell’Islam.

Lettura in corso:

Arabia Saudita: il rito della lapidazione di Satana fra rafforzate misure di sicurezza

Dimensioni di testo Aa Aa

Sotto elevata sorveglianza, si avvia alla conclusione l’hajj, il pellegrinaggio alla Mecca, in Arabia Saudita, fra i cinque pilastri dell’Islam. Nella vicina Mina, i credenti eseguono il rituale della lapidazione simbolica di Satana nel secondo giorno dell’Aid al-adha, la festa del sacrificio.

Circa 100.000 agenti sono mobilitati per garantire la sicurezza durante il rito, per evitare tragedie come quella dello scorso anno.

“Quest’anno l’atmosfera è davvero calma, il personale di sicurezza prepara le persone – racconta un pellegrino egiziano – si trova alle entrate e alle uscite e non permette alla gente di dormire per strada. È stato ben organizzato dal punto di vista della sicurezza”.

“Non temevo la calca e neppure la morte”, dice una fedele egiziana. “Siamo venuti qui per Dio e qualunque cosa cosa accada è per Dio. Se restiamo in vita o se moriamo è per Dio. È la vita, qualunque cosa accada è per Dio. Non abbiamo paura della morte, Dio dà la vita a coloro che non temono la morte”.

La Mecca accoglie circa due milioni di pellegrini per l’hajj che i musulmani fanno almeno una volta nella vita. Quest’anno non partecipano migliaia di iraniani, a causa delle tensioni fra i due Paesi.