ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Zimbabwe: nuova protesta contro reintroduzione moneta locale e contro Mugabe

mondo

Zimbabwe: nuova protesta contro reintroduzione moneta locale e contro Mugabe

Pubblicità

Monete in fiamme ad Harare, nello Zimbabwe, per dire no alla reintroduzione di banconote locali e più in generale chiedere le dimissioni del presidente Robert Mugabe.

I manifestanti temono che il piano della banca centrale, da completare entro ottobre per alleviare la carenza di dollari e altre valute straniere, causi un’iperinflazione.

Circa 200 persone hanno risposto alla mobilitazione organizzata su internet, portando fiori in segno di pace. In preparazione uno sciopero generale per il 31 agosto.

“Questa protesta ne prepara un’altra più grande”, afferma un attivista. “Non hanno visto ancora nulla. Il governo si renderà conto che deve sedersi al tavolo delle discussioni oppure dimettersi e permettere a un’autorità transitoria di gestire la situazione fino alle elezioni”.

I manifestanti pacifici sono stati dispersi con la forza, colpiti dai poliziotti con i manganelli e con lacrimogeni.

Le proteste si susseguono da settimane contro la politica economica di Mugabe al potere da 36 anni. I dimostranti temono lo scenario del 2008-2009, con l’inflazione alle stelle che spinse lo Zimbabwe ad abbandonare la moneta nazionale.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo