ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa: Trump il re del politicamente scorretto

Provocatore, volgare, ultrapopulista, Donald Trump ha condotto fin qui la sua campagna elettorale per la presidenza americana sotto il segno del fare scalpore e sollevare…

Lettura in corso:

Usa: Trump il re del politicamente scorretto

Dimensioni di testo Aa Aa

Provocatore, volgare, ultrapopulista, Donald Trump ha condotto fin qui la sua campagna elettorale per la presidenza americana sotto il segno del fare scalpore e sollevare polemica.

Una strategia che finora ha pagato. Ma ci sono dei limiti che nella terra delle libertà non possono essere valicati e questo è valido anche per Trump, che ha toccato un nervo scoperto americano, attaccando i genitori del militare Humayun Khan, soldato americano di fede musulmana, morto in Iraq.
E riferendosi poi alla madre del soldato, ha detto:

“Sembrava che non avesse niente da dire. O forse non ha parlato perché non le è permesso».

Storcono il naso i musulmani d’America, come lo storcono gli immigrati ispanici, quanco il candidato repubblicano torna sulla promessa di costruire un muro al confine con il Messico:

“Quando il Messico ci invia la sua gente, non ci manda i migliori. Ci manda gente che ha solo problemi e che porta qui da noi questi problemi”.

Originali anche le sue proposte in politica estera, come quella di incontrare il dittatore nord coreano Kim Jong-un per fermare il programma nucleare del Paese:

“Parlerei con lui, non avrei nessun problema a parlare con lui”, aggiungendo che farebbe pressioni sulla Cina, l’unico importante alleato diplomatico ed economico di Pyongyang, perché si impegni a trovare una soluzione:

A Papa Francesco che gli dice, chi costruisce muri non è cristiano, lui risponde:

“Se l’Isis attaccasse il Vaticano, che come tutti sanno è il massimo trofeo a cui aspira l’Isis, posso garantirvi che il Papa si augurerebbe soltanto e pregherebbe perché Donald Trump fosse presidente”,

Alla rivale, Hilary Clinton non ha fatto sconti:

“Come pùo soddisfare il suo Paese se non è in grado di soddisfare suo marito?”.

Affermazione con cui Trump ha raggiunto lo scantinanto del dibattito politico.
Lui però si dice sicuro di quello che fa. E non ha nessuna intenzione di cambiare stile.