ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ombre di crisi in GB. Il panico da Brexit sull'immobiliare ricorda il 2008

economia

Ombre di crisi in GB. Il panico da Brexit sull'immobiliare ricorda il 2008

Pubblicità

Il panico da Brexit investe il settore immobiliare britannico e lo costella di segnali che sempre più ricordano la crisi del 2008.

Come allora, ad accusare tra i primi il colpo sono oggi i fondi immobiliari: dopo i tre di mercoledì, la lista di quelli che hanno congelato i rimborsi agli investitori continua ad allungarsi. A pagare il prezzo più caro sono negozi e uffici: fra il 15% e il 17% il deprezzamento menzionato da Aberdeen Fund Management e Legal & General Investment Management.

“C‘è la preoccupazione che si possa entrare in recessione a partire dal primo trimestre del 2017 – dice l’esperto di mercati, Panmure Gordon -. Se non assisteremo a importanti investimenti esteri nell’immobiliare commerciale – e il governatore della Banca d’Inghilterra ha già parlato di un calo del 50% dal primo trimestre – l’impatto sarebbe davvero molto significativo”.

Timore condiviso dalla Banca d’Inghilterra è quello di un circolo vizioso: un moltiplicarsi delle richieste di rimborso da parte degli investitori esteri che costringa cioè i fondi a svendere a prezzi stracciati, su un mercato peraltro già ampiamente al ribasso.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo