ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia. Hollande deciso ad andare avanti con la legge sul lavoro. Malgrado gli scioperi

mondo

Francia. Hollande deciso ad andare avanti con la legge sul lavoro. Malgrado gli scioperi

Pubblicità

Ancora giornate di protesta in Francia contro la nuova legge sul lavoro.

Cominciano i camionisti, che bloccano diversi importanti snodi autostradali, come a Marsiglia. A seguire gli autoferrotranvieri e altre categorie.

Molti lavoratori sono contrari al progetto, e per ragioni concrete, come questo camionista:

Ho 25 anni di anzianità. Se il provvedimento passa perdo fra i 150 e i 200 euro al mese di stipendio. In tutto farebbero fra i 1000 e i 1500 euro all’anno in meno.

Hollande non vuole cedere

Il presidente François Hollande non intende retrocedere, o almeno non più di quanto non abbia già fatto rimaneggiando la legge:

La faremo passare – ha detto nel corso di un’intervista radiofonica – Non cederò, perché già troppi governi hanno ceduto. Ecco perché il Paese era nello stato in cui lo abbiamo trovato nel 2012. La situazione non è facile, ma un compromesso è stato raggiunto. I sindacati riformisti sostengono il testo e la maggioranza dei socialisti è a favore.

Tuttavia, 7 organizzazioni dei lavoratori hanno indetto scioperi per oggi e per giovedì, in tutto 7 giornate di agitazione in meno di due mesi.

il punto più controverso

Il progetto proposto dal ministro del lavoro Myriam El Khomri è ritenuto troppo favorevole al padronato.

Prevede tra l’altro che gli accordi ottenuti a livello di singola azienda abbiano la prevalenza su quelli di settore. Una specie di ‘divide et impera’ che, secondo i sindacati, distruggerà ogni potere di contrattazione dei lavoratori.

Il governo ha blindato il testo, facendolo passare senza voto alla Camera, come prevede un articolo della Costituzione (art. 49-3). Ora la parola passa al Senato.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo