ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Ecuador: "soccorsi lenti", mancano all'appello 1.700 persone

Lettura in corso:

Terremoto in Ecuador: "soccorsi lenti", mancano all'appello 1.700 persone

Terremoto in Ecuador: "soccorsi lenti", mancano all'appello 1.700 persone
Dimensioni di testo Aa Aa

Mancano all’appello ancora 1.700 persone a quattro giorni dal terremoto di magnitudo 7.8 che ha raso al suolo Pedernales e Manta, due villaggi sulla costa pacifica dell’Ecuador.

Si scava anche a mani nude per salvare coloro che sono ancora intrappolati tra le macerie, quando sono 525 le vittime accertate. I feriti, invece, sono oltre 4.600.

“Vorrei ringraziare gli enti ecuadoriani, statali e locali, i militari, la polizia e le imprese private per il loro aiuto – ha detto il Presidente Rafael Correa, in visita nelle zone più colpite – Vorrei anche ringraziare le agenzie straniere che si sono subito offerte di inviare soccorsi e attrezzature".

Mentre si quantificano i danni pari a circa 3 miliardi di dollari, scoppia la polemica sui soccorsi che non sarebbero all’altezza della situazione, secondo molti residenti. Un testimone sostiene di aver ricevuto dei messaggi sul telefono da un gruppo di 10 persone intrappolate in una cavità, aggiungendo che i soccorsi non gli hanno dato ascolto.