ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Giappone: sale il bilancio delle vittime, si tenta ancora di salvare vite

Almeno 42 morti e 2mila feriti: questo è l’ultimo, ma ancora provvisorio, bilancio delle due scosse che hanno colpito l’isola del Kyushu in Giappone

Lettura in corso:

Terremoto in Giappone: sale il bilancio delle vittime, si tenta ancora di salvare vite

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno 42 morti e 2mila feriti: questo è l’ultimo, ma ancora provvisorio, bilancio delle due scosse che hanno colpito l’isola del Kyushu in Giappone. È corsa contro il tempo per salvare vite umane: 30mila soccorritori sono stati inviati dal governo.

Tra il 14 e il 16 aprile nella regione di Kyushu ci sono stati due sismi: uno di 6,5 e l’altro di 7,4 gradi della scala Richter. Erano 120 anni che non si registrava un terremoto di tale intensità: 1700 abitazioni distrutte o danneggiate, 250mila persone invitate a lasciare le loro case nella prefettura di Kumamoto, epicentro.

I soldati statunitensi della base a Okinawa hanno inviato aiuti nella zona montagnosa di Minami Aso dove ci sono stati diversi smottamenti. Lo sciame sismico potrebbe continuare, questa la previsione dell’agenzia meteorologica giapponese che teme nuove scosse per i prossimi giorni.

Un terremoto anche per l’economia.La Toyota ha sospeso la produzione nella maggior parte degli stabilimenti in Giappone a causa della carenza di approvvigionamenti. Non è l’unica azienda, numerose fabbriche in tutto il Paese hanno sospeso l’attività. Scossa anche la finanza con la Borsa di Tokyo che ha chiuso in netto calo. L’indice Nikkei, al termine delle contrattazioni, ha registrato una perdita del 3,40%