ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ankara tende nuovamente la mano a Mosca

Il premier turco Ahmet Davutoglu, in visita ufficiale in Serbia ha rinnovato la speranza di poter ristabilire normali relazioni diplomatiche con la

Lettura in corso:

Ankara tende nuovamente la mano a Mosca

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier turco Ahmet Davutoglu, in visita ufficiale in Serbia ha rinnovato la speranza di poter ristabilire normali relazioni diplomatiche con la Russia. Sono precipitate nella peggiore crisi dai tempi della guerra fredda, in seguito all’abbattimento del bombardiere russo per violazione dello spazio aereo turco, il 24 novembre scorso.

“Abbiamo avuto buone relazioni con la Russia fino a questo evento – ha detto Davutoglu – e fino all’intervento della Russia in Siria. Le nostre relazioni si sono intensificate, possiamo solo sperare che buone relazioni possano essere ristabilite”.

Da Mosca nessun disgelo. L’azione è stata paragonata ad una pugnalata alle spalle visto che la Russia nega che l’aereo abbia mai sconfinato nello spazio aereo turco. Il vice premier russo Arkady Dvorkovich, ha dichiarato: “Crediamo sia necessaria una risposta approriata contro azioni non amichevoli. E abbiamo cominciato a fornirla. Ci saranno altre azioni, che saranno annunciate. Il primo ministro ne ha già parlato”.

La compromissione delle relazioni diplomatiche rischia di costare cara: Mosca bloccherà le importazioni di generi alimentari dal primo gennaio. Ankara, che importa più della metà del gas turco dalla Russia, non ha finora replicato sul piano delle sanzioni.