ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'intifada dei coltelli provoca ancora morti palestinesi in medioriente

Nelle vicinanze di Nablus in Cisgiordania due palestinesi hanno accoltellato un soldato israeliano. Le forze di Tsahal hanno risposto uccidendo i

Lettura in corso:

L'intifada dei coltelli provoca ancora morti palestinesi in medioriente

Dimensioni di testo Aa Aa

Nelle vicinanze di Nablus in Cisgiordania due palestinesi hanno accoltellato un soldato israeliano. Le forze di Tsahal hanno risposto uccidendo i due. È rimasto ferito anche un soldato colpito, da una pallottola vagante. Sono oltre tre mesi che si susseguono questi attacchi all’arma bianca definiti ormai come “intifada dei coltelli”.

A Gerusalemme un palestinese ha aggredito un soldato a una fermata dell’autobus. Il palestinese è stato arrestato.

E sono stati rimpatriati i corpi di 4 palestinesi uccisi a inizio dicembre. Sembra che almeno venti salme di morti palestinesi, originari di Gerusalemme, e una ventina della Cisgiordania, siano ancora trattenuti in Israele. Il timore è che i loro funerali possano trasformarsi in celebrazioni e ispirino altri attacchi. Una misura questa, adottata anche in passato da Tel Aviv per scambiare i resti dei morti palestinesi con quelli dei propri soldati caduti in operazioni nei territori.