ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sparatoria a Beersheba: 3 morti e più di 10 feriti

Non erano due gli attentatori alla stazione degli autobus di Bersheeba, ma uno solo, che ha aperto il fuoco uccidendo un soldato israeliano e ferendo

Lettura in corso:

Sparatoria a Beersheba: 3 morti e più di 10 feriti

Dimensioni di testo Aa Aa

Non erano due gli attentatori alla stazione degli autobus di Bersheeba, ma uno solo, che ha aperto il fuoco uccidendo un soldato israeliano e ferendo altre 11 persone. Le forze di sicurezza hanno poi ucciso l’assalitore palestinese e anche un cittadino eritreo, scambiato per un terrorista.

La serie di violenze delle ultime settimane ha provocato una cinquantina di vittime tra arabi e israeliani.

“Devo vivere in un mondo in cui ho paura ad uscire di casa – si chiede una ragazza israeliana, Sima Koseshvili – per andare all’Università o al lavoro o a fare compere? Tutto fa paura e io voglio che la polizia sia più attiva e incrementi la presenza delle forze di sicurezza.”

Domenica Israele ha eretto una barriera di cemento tra il quartiere arabo di Jabel Mukabar a Gerusalemme e quello ebraico adiacente.

“Il termine migliore per descrivere questo è apartheid – commenta un abitante, Anan Matar -. Avevamo già un muro di separazione tra noi e la Cisgiordania, ora c‘è un muro anche dentro Gerusalemme. Vogliono dividere gli abitanti della città.”

Tel Aviv e altri tre comuni israeliani hanno temporaneamente vietato l’accesso del personale arabo negli edifici scolastici, mentre nuovi scontri si sono verificati a Ramallah, vicino all’insediamento di Beit El. Giovani palestinesi hanno lanciato pietre contro le forze di sicurezza, che hanno usato gas lacrimogeni e pallottole di gomma.