ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Burkina Faso, esercito entra a Ouagadougou e tratta con i golpisti

L’esercito del Burkina Faso pronto ad entrare a Ouagadougou. I militari alle porte della capitale conducono un negoziato con i golpisti della guardia

Lettura in corso:

Burkina Faso, esercito entra a Ouagadougou e tratta con i golpisti

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito del Burkina Faso pronto ad entrare a Ouagadougou. I militari alle porte della capitale conducono un negoziato con i golpisti della guardia presidenziale (fedele all’ex-Capo dello Stato Blaise Compaoré) che lo scorso 16 settembre aveva condotto un colpo di Stato, il secondo in un anno per il Paese africano.

L’ex-Capo della Guardia Presidenziale, il Generale Gilbert Diendéré, alla guida del golpe, aveva annunciato ieri l’intenzione di concludere un accordo e ridare il potere alle autorità civili.

“Confermiamo il nostro impegno a rimettere il potere nelle mani delle autorità civili dopo aver concluso un accordo definitivo sotto l’egida della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (Ecowas) per uscire dalla crisi” aveva detto ieri in un messaggio televisivo il Generale Diendéré.

Il Presidente ad interim Michel Kafando e il Premier Isaac Zida sono stati arrestati dai militari che hanno fatto irruzione nel palazzo presidenziale mentre era in corso una riunione del Consiglio dei Ministri. Al momento Kafando si è rifiugiato all’ambasciata di Francia.

L’esercito, che finora non aveva reagito all’iniziativa dei golpisti, è stato incoraggiato dalla popolazione durante la sua avanzata verso la capitale. A Ouagadougou si sono registrati disordini. Nei giorni scorsi era stato imposto il coprifuoco.