ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grecia, al voto il prossimo 20 settembre. Syriza crolla nei sondaggi. Al lavoro il nuovo governo tecnico


Grecia

Grecia, al voto il prossimo 20 settembre. Syriza crolla nei sondaggi. Al lavoro il nuovo governo tecnico

La Grecia è di nuovo in campagna elettorale. Manca la conferma ufficiale ma secondo fonti di stampa le elezioni anticipate si terranno il 20 settembre prossimo. Intanto ad Atene il nuovo governo tecnico è già al lavoro, dopo aver prestato giuramento.

Per la prima volta alla sua guida c‘è una donna, la presidente della Corte suprema Vasiliki Thanou, nominata primo ministro ‘ad interim’. Una squadra che rappresenta un ampio spettro politico del Paese, con membri di Syrizia, ma anche socialdemocratici, conservatori. “Abbiamo molto da fare sui rendimenti e sul controllo delle imposte fiscali, ma dobbiamo attuare il processo di transizione istituzionale”, ha dichiarato il Vice Ministro delle Finanze Trifon Alexiadis.

Tra piani di salvataggio, misure di austerity, l’emergenza immigrazione, il Paese guarda al futuro con speranze e incertezze, con i depositi bancari di famiglie e imprese calati di 1,4 miliardi di euro nel mese di luglio. “Tra le notre priorità c‘è sempre la politica europea, dobbiamo andare avanti con quello che ha deciso il Presidente della Repubblica Pavlopoulos. I problemi vanno risolti a livello internazionale”, ha sottolineato il ministro incaricato per l’emigrazione Ioannis Mouzalas.

L’ex premier Alexis Tsipras, alle prese con un calo di consensi del suo partito, si dice convinto che il popolo darà un messaggio forte. Come fa notare la nostra corrispondente ad Atene Efi Koutsokosta la questione principale al centro del dibattito resta il terzo programma di salvataggio ma anche come il nuovo governo che uscirà dalle urne attuarà quelle misure impopolari e quelle riforme necessarie per la Grecia.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Australia: a Melbourne una protesta costringe autorità migratorie a marcia indietro. Annullato un controllo-visti per strada