ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente: funerali del bambino palestinese. In Cisgiordania esplode la rabbia

Funerali a Duma, in Cisgiordania, del bambino palestinese di 18 mesi morto questa notte in un incendio doloso. A provocare il rogo nella casa della

Lettura in corso:

Medio Oriente: funerali del bambino palestinese. In Cisgiordania esplode la rabbia

Dimensioni di testo Aa Aa

Funerali a Duma, in Cisgiordania, del bambino palestinese di 18 mesi morto questa notte in un incendio doloso. A provocare il rogo nella casa della famiglia del piccolo sarebbero stati coloni ebrei che avrebbero lanciato bottiglie incendiarie.

Immediata la reazione del presidente palestinese Mahmoud
Abbas: “È un crimine di guerra e un crimine contro l’umanità. Non staremo seduti a guardare. Fintanto che gli insediamenti continueranno a essere costruiti e fino a quando esisterà l’occupazione, simili crimini continueranno. Stiamo preparando un dossier, su questo e su altri crimini, da portare immediatamente alla Corte penale internazionale, e nessuno ce lo impedirà”.

Sulle pareti della casa è stata trovata la parola ‘vendetta’ scritta in ebraico. Il fratello, di quattro anni, e i genitori della vittima sono stati ricoverati in gravi condizioni.

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu si è recato in ospedale. Mark Regev, il suo portavoce, ha duramente condannato l’accaduto: “Israele condanna inequivocabilmente questo attacco brutale, questa atrocità. È inaccettabile. Lo abbiamo ufficialmente definito come atto terroristico. Noi combatteremo il terrorismo e lo sconfiggeremo. Porteremo i responsabili di questa atrocità davanti alla giustizia “.

L’uccisione del bambino ha scatenato la rabbia palestinese. In diverse località della Cisgordania, fra cui Hebron e Nablus,
dimostranti armati di bottiglie incendiarie si sono scontrati con reparti dell’esercito israeliano.