ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Lavoro minorile, Ilo: 168 milioni i bambini sfruttati nel mondo


mondo

Lavoro minorile, Ilo: 168 milioni i bambini sfruttati nel mondo

Sono 168 milioni i bambini nel mondo costretti a lavorare per sopravvivere. Hanno tra i 5 e 14 anni e spesso svolgono attività altamente rischiose, in cambio di stipendi da fame.

Nell’ultimo rapporto dell’Ilo, l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, c‘è anche qualche buona notizia. Il numero di questi giovanissimi lavoratori è diminuito di un terzo dal 2000 a oggi.

Eppure, nella Giornata mondiale contro il lavoro minorile, va constatato che cinque milioni di bambini e adolescenti continuano a vivere in situazioni di schiavitù.

Su un totale di 168 milioni, 78 milioni si trovano in Asia: più del 9% dei bambini della regione. Nell’Africa sub-sahariana sono 59 milioni, ovvero il 21 per cento. In America Latina e nei Caraibi, 13 milioni: poco meno del 9 per cento. 9,2 milioni in Medio Oriente e nel Nord Africa, pari all’8,4% della popolazione minorile locale.

Il fenomeno è particolarmente diffuso nelle periferie delle megalopoli dell’India.

A New Delhi, molti bambini sono straccivendoli: un’attività ad alto rischio, secondo una legge sul lavoro minorile del 1986 che il Parlamento indiano potrebbe presto emendare.

Paarvati ha 10 anni e lavora dalle cinque del mattino: “Spesso mi faccio male alle mani raccogliendo gli stracci dai rifiuti e l’odore è insopportabile. Ma devo aiutare i miei genitori”.

Il padre di Paarvati, Saso, dice di non avere altra scelta se non quella di far lavorare le sue figlie: “Non posso mantenerle, a meno che tutte e tre non lavorino con me. Se non lavorano, dove troviamo i soldi per mangiare? Siamo io, mia moglie e le bambine. Lavorando insieme, racimoliamo a stento 400 o 500 rupie al giorno”.

E’ l’equivalente di sette euro.

Lungi dal tentare di invertire questa tendenza, il governo indiano vorrebbe autorizzare i minori di 14 anni a lavorare dopo la scuola o durante le vacanze per aiutare le famiglie disagiate.

L’Ilo sottolinea invece che l’accesso all’istruzione primaria sia fondamentale per lottare contro la povertà e dare un futuro a milioni di bambini.

Tra le raccomandazioni ai vari governi, spicca quella di predisporre dei programmi di formazione professionale per i giovani tra i 15 e i 24 anni privi di un impiego.

Trattative con la Grecia in un vicolo cieco. Da Atene voci di un "ultimatum"

Grecia

Trattative con la Grecia in un vicolo cieco. Da Atene voci di un "ultimatum"