ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nepal: soccorritori in trionfo, a cinque giorni dal sisma ancora due salvati

Un bilancio che si avvicina rapidamente alle seimila vittime, ma non si perde la speranza di salvare ancora qualcuno, a cinque giorni dal terremoto

Lettura in corso:

Nepal: soccorritori in trionfo, a cinque giorni dal sisma ancora due salvati

Dimensioni di testo Aa Aa

Un bilancio che si avvicina rapidamente alle seimila vittime, ma non si perde la speranza di salvare ancora qualcuno, a cinque giorni dal terremoto che ha sconquassato il Nepal.

A Kathmandu operano squadre di soccorritori internazionali, nelle ultime ore s‘è aggiunto anche un gruppo di 36 italiani, tra vigili del fuoco e medici pisani, con un ospedale da campo.

Il miracolo è capitato agli israeliani, che hanno estratto viva dalle macerie una donna di una ventina d’anni, poi portata all’ospedale da campo israeliano:

“C’era un altro corpo sopra di lei, e quel corpo in qualche modo ha impedito al muro e alle rocce di cadere su di lei e ha anche creato una sorta di bolla d’aria che le ha permesso di respirare e sopravvivere per più di 130 ore senza acqua nè cibo”.

Poche ore prima era l’esercito nepalese, con l’aiuto di specialisti americani, a estrarre vivo dalle macerie un quindicenne.
Il ragazzo, piuttosto gracile di corporatura, ha raccontato di essere sopravvissuto tra due enormi lastre di cemento succhiando acqua dai vestiti bagnati.
Quel salvataggio è avvenuto proprio quando le autorità nepalesi invitavano i soccorritori stranieri ad andarsene, ritenendo che non vi fosse più speranza di trovare superstiti.