This content is not available in your region

Noam Chomsky, star del mondo intellettuale

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Noam Chomsky, star del mondo intellettuale

<p>Autore prolifico e auto-proclamato anarchico, all’età di 86 anni non sembra ancora essersi arreso. Inveisce sempre e soprattutto nei confronti dell’Occidente contro tutta una serie di ingiustizie percepite. Euronews ha intervistato <a href="http://www.chomsky.info" rel="external">Noam Chomsky</a>nel suo ufficio al <a href="http://web.mit.edu/" rel="external">Massachusetts Institute of Technology</a>. </p> <div style="width:280px; float:right; margin:20px;"> <div style="border-top: #333 3px double; border-bottom: #333 3px double; font-size:12px; padding-top:16px;"> <h3>Chi è Noam Chomsky?</h3> <ul> <li>Noam Chomsky nasce il 7 dicembre 1928 a Filadelfia, Stati Uniti</li> <li>Lavora al Massachusetts Institute of Technology dal 1955</li> <li>Famoso linguista, filosofo e attivista politico</li> <li>Chomsky rivoluziona il campo della linguistica dal 1950</li> <li>Negli anni ’60 sale alla ribalta per il suo attivismo contro la guerra del Vietnam</li> <li>Oppositore delle classi dirigenti è critico tagliente della politica estera di Occidente e Stati Uniti</li> <li>Autore di centinaia di libri</li> </ul> </div> </div> <p>Diversi i temi trattati durante l’intervista tra cui: ambiente, nucleare e terrorismo.</p> <p>Secondo Chomsky l’umanità sta correndo precipitosamente verso un pericoloso precipizio e per vedere il suo futuro in modo positivo bisognerebbe cambiare prospettiva. </p> <p>Il famoso orologio dell’apocalisse, il <a href="http://thebulletin.org/#" rel="external">_doomsday clock_</a>, ideato dal <a href="http://thebulletin.org/three-minutes-and-counting7938" rel="external">Bulletin of Atomic Scientists</a>, solo un paio di settimane fa ha spinto la lancetta due minuti più vicino alla mezzanotte. Mezzanotte che rappresenta la fine del mondo a cui ora mancano solo tre minuti.</p> <p>Ma di che precipizio parla Noam Chomsky? “In realtà ce ne sono due – dice il linguista – : il disastro ambientale ormai imminente e per cui non abbiamo tempo da perdere, anche se stiamo andando decisamente nella direzione opposta, e la minaccia di una guerra nucleare che ormai dura da 70 anni e che adesso sembra accresciuta. É un miracolo che siamo sopravvissuti fino a qui”. </p> <p>Sul terrorismo invece dice: “(…) la piú terribile campagna terroristica nel mondo è di gran lunga quella orchestrata da Washington. Una campagna di assassinio mondiale. Non esiste una campagna terroristica simile.” </p> <p>E l’Europa? <br /> “Ha partecipato alla peggiore forma di tortura, che è la <a href="http://www.europarl.europa.eu/thinktank/it/document.html?reference=LDM_BRI%282012%29120256" rel="external">_extraordinary rendition_</a>”.</p>