ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, l'Onu chiede un corridoio umanitario per Yarmouk

Il commissario dell'Unrwa Krähenbühl a Damasco, fa visita ai fuggitivi.

Lettura in corso:

Siria, l'Onu chiede un corridoio umanitario per Yarmouk

Dimensioni di testo Aa Aa

Le Nazioni Unite chiedono alle autorità siriane l’organizzazione di un corridoio umanitario, per consentire l’evacuazione del campo di Yarmouk, a Damasco.

Pierre Krähenbühl, commissario generale dell’Agenzia per i profughi palestinesi delle Nazioni Unite (Unrwa), ha fatto visita a coloro che sono riusciti a fuggire dall’area ormai controllata al 90% dall’Isil.

“Siamo molto preoccupati – ha detto – per i rifugiati e i civili che si trovano a Yarmouk. Siamo molto determinati a fornire assistenza a coloro che hanno deciso di lasciare temporaneamente il campo e trovare ricovero altrove. Ci occuperemo molto seriamente anche delle necessità di Yalda e Babila”.

Anche le aree che circondano il campo sono state, infatti, oggetto di bombardamenti e teatro di battaglie tra jihadisti, altri gruppi ostili a Bashar al Assad e le truppe del presidente.

La vita è diventata impossibile, come testimonia una donna intervistata all’interno.

“Noi, la gente del campo profughi di Yarmouk, siamo civili, ci sono bambini e malati. Non ci sono medicinali qui, non abbiamo nemmeno cibo e acqua. Ci lascino un corridoio per passare. Abbiamo bisogno di mangiare e bere, abbiamo bisogno di generi di conforto”.

I media ufficiali non possono avvicinarsi alla zona. Il video amatoriale che conteneva questa intervista, non può, dunque, essere verificato. Ma la situazione dei 18mila rimasti nel campo appare davvero disperata.