ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Schianto Germanwings: Lubitz ha accelerato

La seconda scatola nera conferma l'intento suicida del copilota che ha aumentato la velocità dell'aeroplano durante la discesa

Lettura in corso:

Schianto Germanwings: Lubitz ha accelerato

Dimensioni di testo Aa Aa

L’esame della seconda scatola nera, ritrovata giovedí, conferma l’intenzione volontaria del copilota, Andreas Lubitz di distruggere l’aereo della Germaniwings, precipitato sulle Alpi francesi lo scorso 24 marzo con 150 persone a bordo.

Lo rende noto la BEA, l’ufficio francese di inchieste e analisi sugli incidenti aerei.

Il registratore di volo, ritrovato lungo una scarpata, dimostra come Lubitz abbia attivato il pilota automatico per la discesa e, poi, a più riprese abbia modificato le regolazioni per aumentare la velocità dell’aereo

Sepolto da circa 20 centimentri di terra, il registratore è stato ritrovato dopo diversi passaggi delle ricerche nella stessa zona.

Alice Coldefy, ufficiale della High Mountain Rescue Squad della gendarmeria: “Ho trovato un mucchio di vestiti. Noi stavamo cercando la scatola nera e ci stavamo muovendo verso il basso. L’ho trovata; aveva lo stesso colore della ghiaia nera presente ovunque sul luogo dello schianto”.

Intanto, emergono altri dettagli agghiaccianti: il pilota avrebbe studiato le tecniche suicide su Internet e piú volte digitato cockpit e lock sulla tastiera del suo computer.

Lufthansa inizia a leccarsi le ferite: il gruppo è sotto osservazione da parte del mercato e degli analisti