This content is not available in your region

Merkel in cattedra su nucleare e non solo: "Ma non sono in Giappone per dare lezioni"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Merkel in cattedra su nucleare e non solo: "Ma non sono in Giappone per dare lezioni"

<p>Accolta a Tokyo in pompa magna, Angela Merkel ricambia gli onori militari invitando il Giappone a seguire l’esempio tedesco sia sul nucleare, che per sedare le tensioni regionali ereditate dal suo passato imperiale. Nel paese del Sol Levante per una due giorni preparatoria del <a href="http://www.bayern.de/staatsregierung/g7-gipfel-2015/">G7 di giugno in Baviera</a>, la cancelliera ha però poi smorzato i toni, negando in conferenza stampa di voler dare una lezione a Tokyo su come gestire i suoi rapporti con Cina e Corea del Sud. </p> <p>“Non sono venuta in Giappone per dare consigli, per dire al Giappone cosa fare – ha detto Angela Merkel, nel corso della conferenza di stampa congiunta con il premier Shinzo Abe -. Posso soltanto raccontarvi cosa ha fatto la Germania. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, abbiamo affrontato discussioni interminabili – e talvolta anche molto aspre e dolorose – su come riconciliarci con il nostro passato”. </p> <p><blockquote class="twitter-tweet" lang="it"><p><a href="https://twitter.com/hashtag/Merkel?src=hash">#Merkel</a> a Tokyo incontra <a href="https://twitter.com/hashtag/Asimo?src=hash">#Asimo</a>, il robot 'rifiuta' la stretta di mano <a href="http://t.co/KVD7ZuVaMD">http://t.co/KVD7ZuVaMD</a> <a href="http://t.co/r9aqbXlLfs">pic.twitter.com/r9aqbXlLfs</a></p>— Agenzia ANSA (@Agenzia_Ansa) <a href="https://twitter.com/Agenzia_Ansa/status/574857829238095872">9 Marzo 2015</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>In attesa della prevista udienza con l’imperatore Akihito, ad accogliere Angela Merkel al Museo delle scienze emergenti e dell’innovazione è stato il robot umanoide Asimo, che dopo averle augurato il buongiorno e il benvenuto, si è esibito in un calcio a un pallone e in un balletto, senza tuttavia accennare a ricambiare la stretta di mano della cancelliera tedesca.</p>