ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Tiene sostanzialmente" la tregua in Ucraina

Il cessate il fuoco nell’est dell’Ucraina pare reggere. Tacciono le armi dei ribelli filorussi, come stabilito negli accordi di Minsk, e anche il

Lettura in corso:

"Tiene sostanzialmente" la tregua in Ucraina

Dimensioni di testo Aa Aa

Il cessate il fuoco nell’est dell’Ucraina pare reggere. Tacciono le armi dei ribelli filorussi, come stabilito negli accordi di Minsk, e anche il presidente ucraino Poroshenko ha dato ordine ai militari di sospendere le ostilità.

L’esile tregua deve tuttavia fare i conti con qualche scaramuccia occasionale, come quelle denunciate da un portavoce del governo di Kyev.

“La violazione è avvenuta nella regione di Lugansk, dove sono stati lanciati dei tiri di mortaio. In base alle nostre ricerche abbiamo accertato che l’attacco è partito dal villaggio di Zolotoe”.

A Donestk, capitale della autoproclamata repubblica autonoma, la tregua permette di ritornare a una normalità da tempo solo sognata. Qui gli ultimi tiri si sono avvertiti attorno a mezzanotte.

“Si, li ho sentiti. Quando non sparano mi sento meglio, anche a livello dell’umore. Noi vogliamo la pace ma non ad ogni costo. Vogliamo solo che le truppe ucraine escano dai confini della regione di Donetsk”.

“Non abbiamo dormito fino a tardi. Poi le cose si sono calmate e così ci siamo addormentati. Ora pare una situazione tranquilla, così ho deciso di andare al mercato. Speriamo che le cose migliorino, Dio lo voglia”.

Se la sospensione delle ostilità continuerà a reggere, martedi scatterà il secondo punto dell’accordo, quello che prevede il ritiro delle armi pesanti dalla zona del conflitto.