ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Uccise il vero "American Sniper" di Eastwood. Il processo alle porte

Iniziata in Texas la selezione dei giurati. Alla sbarra un veterano dell'Iraq, uscito dalla guerra con postumi che lo costrinsero al ricovero in una struttura psichiatrica

Lettura in corso:

Uccise il vero "American Sniper" di Eastwood. Il processo alle porte

Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre dietro le transenne che bloccano l’accesso al tribunale verrà giudicato il suo presunto assassino, la storia di Chris Kyle è sugli schermi di tutto il mondo. Parte a Erath County, in Texas, la selezione dei giurati per il processo sulla tragica fine dell’“American Sniper”, portato al cinema da Clint Eastwood.

Alla sbarra Eddie Ray Routh, veterano dell’Iraq, uscito dalla guerra con postumi che l’avevano costretto a un ricovero in una struttura psichiatrica.

Ad accusarlo dell’uccisione de celebre cecchino e di un suo amico la stessa sorella dell’uomo, che in una telefonata alla polizia aveva detto di aver raccolto la confessione del fratello.

Il duplice omicidio è avvenuto nel febbraio 2013 in un poligono di tiro non lontano da Dallas, dove era andato a sparare insieme a Kyle e al suo amico.

A ispirare Eastwood è stata l’autobiografia, in cui il militare – sullo schermo con il volto di Bradley Cooper – racconta le gesta che gli valsero il biglietto da visita di più letale cecchino della storia americana. Uscito in Italia a gennaio, “American Sniper” scoprirà il 22 febbraio quante delle sue 6 nomination si tradurranno in premi Oscar.