This content is not available in your region

Italia: alta l'adesione allo sciopero generale contro il governo Renzi

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Italia: alta l'adesione allo sciopero generale contro il governo Renzi

<p>Undici agenti contusi a Milano e due a Torino. Nove le persone fermate nel capoluogo piemontese. È il bilancio, non ancora definitivo, della giornata di sciopero generale proclamato da <span class="caps">CGIL</span> e <span class="caps">UIL</span>. Una giornata di scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. L’astensione dal lavoro ha riguardato tutti i settori, dalla scuola ai trasporti, dalla sanità agli uffici pubblici. Migliaia le persone scese in piazza nelle principali città italiane </p> <p>“Le ultime scelte del governo – sostiene Sonia Ostrica, tra i manifestanti – sono state drammatiche e invece di costruire un futuro, come si dichiara, noi temiamo che questo futuro stia diventando sempre più un buco nero”. </p> <p>“Lo Stato – aggiunge Greta Gargia, studentessa diciannovenne di Nettuno – non vuole che pensiamo liberamente, ma vuole che ci comportiamo come piccoli soldatini che dicono sempre sissignore alle leggi del governo. Ma io mi sono stancata di stare in silenzio”. </p> <p>Le parti sociali che hanno indetto lo sciopero contro le politiche del governo Renzi (prime fra tutte legge di stabilità e Jobs Act), sostengono che l’adesione è stata superiore al 70%. <br /> Paralizzati gli aeroporti, con almeno il 50% dei voli cancellati, e il trasporto pubblico, con le metropolitane chiuse e il 70% dei mezzi di superficie fermi. Treni ridotti del 50%. Pesanti i disagi, anche per i turisti. </p> <p>“Credo – dice Terence Cook, turista sudafricano – che non bisognerebbe ricorrere allo sciopero. Sarebbe meglio per il Paese che così guadagnerebbe più denaro: più si sciopera, meno soldi entrano e più difficoltà ci sono per il Paese. Per cui non credo sia una buona idea scioperare”. </p> <p>Da Istanbul il premier è tornato a ribadire che l’Italia ha bisogno di cambiamenti. Senza riforme, ha concluso Renzi durante un incontro con gli imprenditori italiani, si condanna il Paese a un lento declino.</p>