ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gravity: Paris terzo a Lake Louise, la Hosp trionfa dopo 7 anni

Lettura in corso:

Gravity: Paris terzo a Lake Louise, la Hosp trionfa dopo 7 anni

Dimensioni di testo Aa Aa

Benvenuti a Gravity, il nostro appuntamento con lo sci alpino. Oggi vi parleremo dell’intoccabile Kjetil Jansrud, dell’infrangibile Hermann Maier e del ritorno imminente di Lindsey Vonn. Ma iniziamo dallo slalom femminile organizzato ad Aspen, in Colorado.

Il ritorno di Nicole Hosp, suo lo slalom sulle montagne statunitensi

A quasi 7 anni dall’ultima volta, Nicole Hosp torna sul gradino piu’ alto del podio in Coppa del Mondo. La 31enne sciatrice austriaca ottiene il 12esimo successo in carriera, il secondo tra i pali stretti nella località statunitense. Dopo aver chiuso la prima manche al settimo posto, l’argento nella supercombinata a Sochi, fa il vuoto nella seconda, mettendosi tutte le rivali alle spalle.

A cominciare da Frida Hansdotter, ancora una volta seconda, a due settimane di distanza dallo slalom di Levi. La 18enne svedese paga 19 centesimi alla vincitrice. Completa il podio di giornata, la connazionale della Hosp, Kathrin Zettel. Ancora in ombra infine la regina di casa, Mikaela Shiffrin, che non va oltre il quinto posto, dopo aver chiuso in testa la prima discesa.

Franck Piccard: “la Vonn puo’ tornare grande, ma non sarà cosi’ semplice’‘

Questa settimana le donne si daranno battaglia in due discese e un SuperG a Lake Louise. L’occasione per Lindsey Vonn di tornare alle gare dopo due stagioni, macchiate dagli infortuni al ginocchio. Sarà di nuovo la miglior sciatrice al mondo? E’ la domanda che abbiamo posto a Franck Piccard, campione olimpico di SuperG a Calgary ’88.

Franck Piccard : “Lindsey Vonn puo’ perfettamente ritornare ad altissimi livelli. Lei sa cosa deve fare, è una sciatrice esperta e questo è un grande vantaggio. Restano pero’ il dolore fisico e quello morale a causa dell’infortunio. E’ vero che possiamo aspettarci tutto dagli americani, ma in questo caso il percorso è lungo e impervio. E’ stata una brutta caduta la sua e credo che il recupero non sia stato dei piu’ semplici. Non so quindi se potrà tornare al top da subito. Ha la possibilità di appoggiarsi su una squadra molto forte, con Mikaela Shiffrin e Julia Mancuso. Ritornerà, ma non credo sarà cosi’ facile per lei”

Kjetil Jansrud, re di Lake Louise, Dominik Paris terzo

Gli uomini hanno preceduto Lindsey Vonn e le sue rivali nella stazione sciistica canadese di Lake Louise. Due le prove di velocità in programma e un solo vincitore: il norvegese Kjetil Jansrud.

Dopo aver vinto la discesa di sabato, Kjetil Jansrud si ripete anche nel SuperG di domenica, monopolizzando cosi’ il weekend di Lake Louise. Il 29enne norvegese diventando il quarto sciatore di sempre a fare doppietta nelle gare veloci della località canadese. Chiude alle sue spalle l’austriaco Matthias Mayer, mentre coglie uno splendido terzo posto l’italiano Dominik Paris. L’altoatesino, quarto nella discesa di sabato, torna sul podio a un anno di distanza dall’ultima volta.

13 febbraio ’98: il volo di Maier

Venerdi 13 febbraio 1998. Hermann Maier sta per affrontare la discesa delle Olimpiadi di Nagano e parte da grande favorito. Ma dopo soli 17 secondi, perde l’equilibrio su un salto lungo e vola letteralmente sopra le tre reti di protezione a bordo pista. E’ un miracolo: l’indistruttibile austriaco ne esce praticamente illeso e tre giorni piu’ tardi si laurea campione olimpico di SuperG, prima di aggiudicarsi anche l’oro nel gigante. Viste le circostanze, non possiamo di certo dire che il soprannome ‘‘Herminator’‘ non gli calzi a pennello.

Gravity finisce qui. L’appuntamento è per domenica prossima. Intanto, ci salutiamo con le migliori immagini del weekend: “it’s snowtime!”